Riforestazione della foce del Magra, Ameglia fa proprio lo studio pilota

Il Commissario dell'Ente Tedeschi: "Finalmente un passo sulla strada giusta".

Giovedì, 01 Ottobre 2020 18:53
Fiume Magra Fiume Magra

 

Il comune di Ameglia fa propria la “mission” e lo studio pilota commissionato dall’Ente Parco Montemarcello Magra Vara che traccia le strategie e le modalità operative per avviare ampie azioni di riforestazione e recupero ambientale del tratto focivo del Fiume Magra

Lo studio, commissionato dall’Ente Parco a termine 2019, riconducibile alla “Campagna nazionale Mosaico Verde” e sviluppato dalla soc. AZZEROCO2, è finalizzato ad individuare interventi che possano avere impatti positivi, misurabili sotto il profilo sociale ed ambientale, e possano fungere da strategia di adattamento ai cambiamenti climatici in linea con le strategie nazionali del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali e Ministero Ambiente e Territorio a cui l’Ente Parco ha aderito con specifica deliberazione nel 2018.

Adesso, come sempre auspicato, anche attraverso la sottoscrizione del protocollo di intesa predisposto dall’Ente Parco e confluito nella Delibera della Amministrazione comunale, si avvia un importante percorso, tanto strategico quanto concreto che, in attuazione del Piano di Parco e per una vasta area “sensibile“, qual è il cosiddetto “mammellone“ in dx idraulica del Magra, porterà al completo ri-disegno di questa porzione di territorio.

Il tema è impegnativo, si tratterà infatti di conciliare la vocazione nautica della aree ed il recupero e riforestazione delle stesse. Il tutto non disgiunto dalla restituzione alla libera fruizione pubblica delle sponde in un tratto di fiume di altissimo pregio ambientale.

Programmazione, co-pianificazione e progettazione: sono queste le corrette modalità di intendere il rapporto Parco - Comuni, in una sinergia che abbia al centro la valorizzazione ambientale del territorio.
La speranza è quella di fare ulteriori passi avanti lasciandoci alle spalle le incomprensioni e le strumentalizzazioni del passato, sperando di recuperare anche scelte importanti sulla di gestione di vaste porzioni di territorio rimaste inattuate.

Il Parco c’è e guarda al futuro con rinnovata fiducia sulla riambientalizzazione di un lungofiume troppo abusato.


Il commissario del parco
Pietro Tedeschi

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
...

Ultimi da Parco di Montemarcello Magra

"Un confronto che ha portato ad una condivisione dei fini e della visione interdisciplinare del progetto". Leggi tutto
Parco di Montemarcello Magra
Si è parlato in particolare del progetto di bacino e dell'abbandono dei rifiuti. Leggi tutto
Parco di Montemarcello Magra

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa