Biodigestore, presidio in via Rosselli per distribuire acqua all'ammoniaca

I comitati contro il Biodigestore si ritroveranno domani per un volantinaggio alla Spezia tra via Fratelli Rosselli e via Prione dalle 9:00 alle 13:00.

Venerdì, 11 Settembre 2020 15:26
Foto d'archivio di una manifestazione del comitato No Biodigestore Foto d'archivio di una manifestazione del comitato No Biodigestore

"Alla Spezia c’è chi è convinto che un eventuale inquinamento della falda acquifera del Magra a seguito di un possibile incidente al biodigestore di rifiuti organici, che Iren vorrebbe costruire a Saliceti, non riguarda la città capoluogo", così in una nota il comitato "Sarzana, Che Botta!".

"Ne è ad esempio convinto l’assessore all’ambiente Kristofer Casati, che in consiglio comunale a novembre ebbe a dire che il Comune non attinge dai pozzi di Fornola alimentati da quella falda".

"Di diverso parere è, ad esempio, il direttore di Acam Acque, ingegner Fincato, che nella sua presentazione all’Atlante degli acquiferi realizzato dall’università di Genova con sei anni di rilevamenti e pubblicato nel 2009 dalla società di via Picco, allora interamente di proprietà pubblica, metteva in guardia dalla vulnerabilità della falda e dal rischio di perdere l’unica risorsa potabile per 150.000 spezzini".

"Per richiamare la sensibilità degli spezzini al problema del grave rischio d’inquinamento della falda i comitati No Biodigestore Saliceti, Sarzana, che botta!, Acqua Bene Comune e le associazioni Legambiente, Italia Nostra, Cittadinanzattiva hanno organizzato per domani mattina dalle 9 alle 13 un presidio tra via Fratelli Rosselli e via Prione per documentare con cartelloni e un volantino sul rischio a cui l’approvazione dell’impianto da 90.000 tonnellate di rifiuti organici (60.000 provenienti da Genova) esporrebbe la falda xel Magra che alimenta i pozzi".

"Ai cittadini verrà anche simbolicamente offerta acqua attinta da una brocca dove saranno diluiti 5 milligrammi di ammoniaca".

"Il rischio d’incidente non è stato escluso neppure nella consulenza attivata da Recos. Il professor Ronchetti dell’università di Reggio Emilia, in uno studio durato cinque mesi, sostiene che l’inquinante verrebbe diluito dalla portata della falda. Il professor Raggi, uno degli studiosi più accreditati del Magra, ha replicato che è come affidare la potabilità dell’acqua degli spezzini a Madre Natura: la percentuale di diluizione dipenderebbe dalla portata della falda".

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
Comitato Sarzana, che Botta!

Via XX Settembre, 51
19038 Sarzana SP

Tel. 338 1585006

E-mail: sarzanachebotta@gmail.com

www.sarzanachebotta.org

Ultimi da Comitato Sarzana, che Botta!

I comitati contrari alla realizzazione del biodogestore chiedono fatti concreti, con particolare riferimento alla discussione all'interno del Comune di Vezzano, ma non solo. Leggi tutto
Comitato Sarzana, che Botta!
E' l'unico aspetto sul quale può intervenire, trattandosi di una materia che compete alle regioni. Leggi tutto
Comitato Sarzana, che Botta!

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa