Coronavirus, le misure proposte da CNA per tutelare imprese e lavoratori In evidenza

La CNA ha presentato una serie di misure da adottare rapidamente per fronteggiare gli effetti sull'economia provocati dal Coronavirus.

Martedì, 25 Febbraio 2020 12:20

La Confederazione vede con favore la tempestività mostrata dal Governo per definire gli interventi necessari per salvaguardare imprese, lavoratori e l'intera popolazione e già nel corso dell'incontro promosso dal Ministro del Lavoro Nunzia Catalfo ha manifestato totale disponibilità a collaborare con le istituzioni per condividere un programma di gestione dell'emergenza economica provocata dalla diffusione del virus.

Nel dettaglio i provvedimenti richiesti dalla CNA per rispondere all'emergenza Coronavirus sono: sospensione imposte e tributi; sospensione pagamenti utenze (elettricità, gas, acqua, etc.); sospensione pagamento rate mutui e finanziamenti; sospensione dei contributi (INPS) e dei premi assicurativi (INAIL); introduzione di un'indennità per i lavoratori autonomi e professionisti interessati dalla sospensione delle attività; potenziamento degli strumenti previsti dalla normativa in materia di ammortizzatori sociali, anche per le aziende oggi scoperte, attraverso il rafforzamento con risorse pubbliche dei fondi complementari di natura privatistica disposti dalla contrattazione collettiva (come FSBA nell'artigianato).

In considerazione delle numerose regioni interessate dal fenomeno, tra cui la Liguria, e della pluralità di settori economici coinvolti, la CNA ha sollecitato l'adozione di un piano di azione energico ed immediato per limitare i danni diretti e indiretti che l'emergenza in atto può produrre alle attività economiche, non circoscrivendo gli interventi alle sole imprese situate nei comuni che saranno individuati dai provvedimenti governativi.

Inoltre, in relazione al turismo CNA chiede la convocazione urgente del tavolo di crisi con il Ministro dei Beni culturali, Dario Franceschini, alla luce dei provvedimenti adottati dal Consiglio dei ministri per fronteggiare gli effetti del Coronavirus sul comparto e per studiare e definire le misure di indennizzo per gli operatori del settore che genera circa il 12% del Pil italiano con un giro d'affari di 146 miliardi di euro.

Il divieto di eventi pubblici e delle gite scolastiche sta già producendo numerose cancellazioni. È urgente l'assunzione di misure per alleviare il pesante impatto economico prevedendo la sospensione dei versamenti contributivi e di disporre misure straordinarie di supporto al reddito dei lavoratori dipendenti e indennità per artigiani e lavoratori autonomi danneggiati dalla crisi.

Il comparto del turismo in Italia conta quasi 216mila esercizi ricettivi e 12mila agenzie di viaggio per le quali è di fondamentale importanza definire misure per la gestione delle prenotazioni che comportano penali. Sulla base dei dati del 2018 il movimento di passeggeri negli aeroporti italiani supera i 180 milioni, quasi 80 milioni transitano per i porti. Circa 75 milioni di escursioni turistiche sono realizzate attraverso l'uso dell'auto e per motivi di turismo il treno assicura 4,5 milioni di convogli.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
CNA

Confederazione Nazionale Artigianato
Via Padre Giuliani, 6
19125 La Spezia

Tel. 0187598080
Twitter @laspezia@cna.it

 

www.sp.cna.it/

Ultimi da CNA

La nota di CNA Liguria: "Pagano il 54,3% in più della media UE e in un anno un rincaro del 35,8%". Leggi tutto
CNA
La referente sindacale del turismo Valentina Figoli: "I lavoratori rientrano a casa solo un'ora dopo la fine del loro turno". Leggi tutto
CNA

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa