"Nuovo Felettino, si rischia davvero la rescissione del contratto con Pessina?" In evidenza

Il Tribunale per i diritti del maato chiede una commissione civica partecipata e la presenza dell'assessore Viale alla Spezia.

Venerdì, 28 Giugno 2019 11:12

 

Dopo il corteo del 7 giugno - che ha visto una numerosa partecipazione di cittadini, associazioni, organizzazioni sindacali e mediche e a cui anche il Tribunale del Malato ha attivamente partecipato - e' continuato, insieme agli altri promotori, il percorso del Manifesto per la Sanità Locale. Il percorso si è attivato su alcuni punti che sono stati oggetto della manifestazione popolare del 7 giugno.

In particolare, la questione del riavvio dei lavori del Nuovo Felettino e l'analisi delle problematiche (strutture fatiscenti, disorganizzazione dei servizi, poco personale e pochi posti letto) che affliggono l'ASL 5.

Sulla prima questione abbiamo formalizzato un'istanza di accesso civico ad I.R.E. (la società a partecipazione pubblica regionale che gestisce l'appalto del Felettino), basandoci su quanto ha chiarito la Corte dei Conti Liguria (decisione 117/2018/PRSS) sul bilancio ASL 5 2018 "Il fenomeno del mancato o ritardato utilizzo dei finanziamenti pubblici destinati a spesa di investimento rende evidente la necessità di effettuare con la massima diligenza l'attività programmatoria .., nonchè quella progettuale (tesa ad evitare contenziosi o varianti in sede di esecuzione) e amministrativa (volta ad individuare la migliore strutturazione finanziaria dell'investimento da eseguire). Le criticità evidenziate in fase di esecuzione rendono necessario, altresì, il rispetto di tempi congrui fra la fase di programmazione (a monte della quale si colloca il reperimento delle necessarie risorse finanziarie) e quella di progettazione/aggiudicazione, posto che un eccessivo lasso temporale rischia di inserire l'opera in un contesto di esigenze socio-sanitarie differenti rispetto a quelle iniziali"
Attualmente I.R.E. ha coinvolto la ditta Pessina per fornire le risposte alle nostre richieste : cronoprogramma dei lavori e svolgimento dell'ultimo atto amministrativo in sede regionale. Siamo in attesa della risposta finale.

Ci hanno inoltre preoccupato le parole del Sindaco della Spezia, recentemente intervistato, il quale ha prospettato il rischio della rescissione del contratto in corso con la ditta esecutrice dei lavori e quindi ulteriori ritardi per il nuovo ospedale. Se, come appare, questo è più che un rischio, si manifesta, ancora più cogente, la nostra richiesta di istituzione di una commissione civica partecipata sulla questione dei lavori del Felettino che possa dare informazioni trasparenti e costanti alla cittadinanza e che possa ascoltare gli intendimenti della Regione.

L'assessore Viale deve venire alla Spezia e farsi carico di spiegare ai cittadini della Provincia come evolvono i lavori e, in caso di rescissione del contratto, quale è il piano alternativo per concludere la costruzione del nuovo Felettino in tempi certi e per garantire, nel frattempo, un'adeguata assistenza ospedaliera nel S. Andrea.
Non c'è solo l'ospedale di Imperia cui pensare!

 


Tribunale per i diritti del malato

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa