Enel, i Cinque Stelle: "Siamo gli unici ad aver indicato la via per chiudere la centrale" In evidenza

I pentastellati spezzini commentano l'esito del consiglio comunale straordinario di lunedì scorso.

Giovedì, 13 Giugno 2019 21:23

"Abbiamo presentato un ordine del giorno chiaro e netto. Volevamo che venisse ascoltato il territorio. Non volevamo che per l’ennesima volta il futuro di un’area così importante venisse deciso da un progetto preconfezionato predisposto e deciso lontano dalla comunità locale.

Volevamo che venissero ascoltati gli spezzini, perché è di loro, di noi, che si parla e della nostra pelle. Volevamo sapere quanto ha dovuto pagare la città fino ad oggi e quindi predisporre uno studio di danno sanitario e ambientale.

Volevamo sapere quanto e cosa hanno dovuto subire i cittadini respirando i fumi di quella ciminiera e quanto e cosa ha dovuto subire il territorio. Volevamo dati certi su cui ci si poteva basare per parlare anche del futuro dell’area e il divieto di installare industrie insalubri di prima classe.

Volevamo che l’amministrazione comunale partecipasse alle procedure di bonifica durante la fase di dismissione della centrale a carbone esistente con adeguate competenze tecnico-scientifiche.

Volevamo che il Comune in maniera altrettanto chiara e netta affermasse, senza cambiare idea fra pochi mesi, quale fosse l’indirizzo di questa amministrazione, che cosa intendessero fare, quali percorsi seguire, a quale meta pervenire.

Rivendichiamo di essere gli unici (ma è una magra consolazione) ad aver indicato la via per la chiusura già ad ottobre 2018 e ad aver coerentemente riproposto un percorso giuridico-amministrativo con atti formali che portassero sul tavolo dei ministeri competenti la reale situazione di una centrale che insiste in un centro abitato, che ha causato danni (mai messi nero su bianco), in termini di salute e ambiente e che fino alla chiusura definitiva continuerà a produrne, ma solo un avvio delle procedura da noi indicata potrà configurare tali danni.

Nulla di tutto ciò si legge nell’ordine del giorno della maggioranza presentato nell’ultimo consiglio comunale del 10 giugno. La nebulosità di parole e intenti fa da padrona, come sempre.

La maggioranza, malgrado a parole abbia cambiato idea, ha nuovamente rifiutato con miopia il percorso più corretto, logico e trasparente".

Movimento 5 Stelle La Spezia

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
...

Ultimi da Cinque Stelle

"Gli ospedali spezzini sono negletti e la giunta non dà risposte credibili" Leggi tutto
Cinque Stelle
L'intervento del consigliere regionale del M5S Paolo Ugolini: "È sotto gli occhi di tutti: si sta operando un lento svuotamento del San Bartolomeo". Leggi tutto
Cinque Stelle

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa