Cgil, Cisl e Uil: la posizione sul biodigestore In evidenza

Tra le richieste c'è la massima condivisione con gli abitanti.

Venerdì, 24 Maggio 2019 10:33

 

Nelle giornata di giovedì 23 maggio le segreterie confederali e di categoria di Cgil, Cisl e Uil hanno incontrato i rappresentati di Iren e ReCos per la presentazione dell'impianto spezzino per il trattamento del rifiuto organico che dovrebbe essere realizzato in località Saliceti.

Le Organizzazioni sindacali hanno ribadito la centralità del tema del riutilizzo del rifiuto, della sua trasformazione industriale e delle politiche di riduzione del ricorso allo smaltimento in discarica, sottolineando che gli impianti devono essere pianificati in base alle esigenze del territorio e non solo alle necessità delle aziende.

Da questo punto di vista, le finalità del progetto presentato da ReCos sono apprezzabili, soprattutto perché consentirebbero al territorio di liberarsi definitivamente dall’onere sociale ed ambientale di una nuova discarica di servizio e permetterebbero di realizzare un progetto di economia circolare che valorizza la raccolta differenziata.

Le segreterie confederali, anche alla luce delle preoccupazioni sollevate dalle comunità più da vicino interessate alla realizzazione del nuovo impianto, già impegnate negli approfondimenti tecnici del caso, sollecitano la società alla massima attenzione e cura nei confronti di tutti i presidi di sicurezza e di qualità dell’impianto. I sindacati monitoreranno costantemente sul rispetto degli impegni presi da parte della società e degli organismi di vigilanza competenti e si adopereranno anche a livello regionale affinchè la chiusura del ciclo dei rifiuti venga realizzata in tutte le province Liguri, così come previsto dal piano regionale.

Prendendo atto di quanto ReCos ha evidenziato, in termini di garanzia per i cittadini residenti, circa l’impatto ambientale complessivo dell’impianto (paesaggio, odori, scarichi, viabilità), le organizzazioni sindacali chiedono di porre in essere tutti gli sforzi possibili per giungere alla massima condivisione con gli abitanti del territorio, di porre in essere ogni sforzo per minimizzare l’impatto dell’impianto e per assicurare che non vi saranno conseguenze negative per la salute di lavoratori e cittadini, l’equilibrio dell’ambiente circostante, la complessiva vivibilità del territorio in cui l’impianto sarà inserito.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
CGIL

Via Bologna, 9

Tel.: +39 0187547111
Fax: +39 0187516799

www.cgillaspezia.it/

Ultimi da CGIL

Anche nello spezzino le grandi opere sono ferme. Leggi tutto
CGIL
Le segreterie spezzine di Cgil, Cisl e Uil: "Da parte nostra c’è la massima disponibilità a valutare ogni possibilità purché sia seria" Leggi tutto
CGIL

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa