Cenerini a Orlando: "Perchè quando era Ministro non ha sciolto CasaPound?" In evidenza

Il capogruppo della lista Toti - Forza Italia si rivolge all'esponente PD dopo le parole dirette al sindaco Peracchini.

Lunedì, 20 Maggio 2019 20:25

 

"Inqualificabili le parole dell’ex ministro Orlando rivolte al Sindaco Peracchini che a suo dire avrebbe scelto di stare con i fascisti. Ovviamente si tratta solo di propaganda di un ex comunista, che da ministro della giustizia in carica fino a un anno fa si è ben guardato di dire che Casapound è un partito fascista e ancor di più nel rispetto del suo ruolo e dei cittadini di prendere l’iniziativa per lo scioglimento di un partito che solo oggi definisce fascista, come prevede la legge Scelba, che un ministro della giustizia dovrebbe conoscere e garantirne l’applicazione!

Quindi se c’è uno che è stato garante di quelli che oggi risvegliatosi dal suo torpore istituzionale definisce fascisti è stato proprio lui! Che giustifichi davanti alla città e nel suo caso di ex ministro della Repubblica al paese, la sua inerzia e inettitudine, per non dire accondiscendenza alla ricostituzione di un partito fascista!".

Fabio Cenerini
Capogruppo Toti FI

 

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

L’arcaica cultura della montagna è fatta anche di cibi biologici e piatti tipici Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
Oltre 50 partecipanti provenienti da ogni parte del mondo. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa