Il sindaco di Ameglia: "Serve un nuovo Piano della Nautica" In evidenza

Il 17 maggio un primo incontro propedeutico.

Giovedì, 16 Maggio 2019 12:33
Nella giornata di ieri è stata firmata un’ordinanza, la terza dai sequestri del 13 febbraio scorso, riguardante la zona del Mammellone sul fiume Magra ad Ameglia.
Le prime due ordinanze imponevano il blocco di ogni tipo di attività artigianale o nautica nella zona anche non sottoposta a sequestro in quanto non in regola con le previsioni urbanistiche e ambientali della normativa, inoltre si imponeva la rimozione delle costruzioni abusive e la messa in sicurezza delle aree da un punto di vista ambientale. L’ordinanza di ieri impone la bonifica della zona e la rimozione delle imbarcazioni detenute nell’area in assenza dei permessi edilizi e paesaggistici, sono stati dati 15 giorni per iniziare le operazioni di bonifica, scaduti i quali si procederà ad ulteriore denuncia per inottemperanza alle leggi ambientali e il Comune provvederà in danno degli occupanti alla pulizia e bonifica delle aree.

Dalla situazione in cui versa l’area emerge chiaramente la necessità che gli enti preposti al Comune in termini di regolamentazione del territorio debbano attivarsi ed agiscano a tutela dell’ambiente e delle attività regolari. È stata inviata una nota a firma del Sindaco di Ameglia, nei giorni scorsi al Parco, alla Difesa del Suolo della Regione Liguria, e al Sindaco di Sarzana e Lerici per fissare un incontro con tutti gli Enti che si occupano del fiume e la regia deve appartenere necessariamente al Parco. È stata concordata a seguito della nota, tra il Sindaco e il Presidente del Parco, una prima riunione per domani, venerdì 17 maggio.

Il tema sul tavolo è il Piano Guida della Nautica che, scaduto il 31 luglio 2018, si configura come il più grande fallimento di pianificazione territoriale ed ambientale mai visto in Val diMmagra. Piano legato alle prospettive di lottizzazione e cementificazione del Masterplan di Marinella, ha visto pochissime adesioni e, di fatto, ha mantenuto in vita attività senza i minimi requisiti ambientali. Ora però tutte le attività non in regola con il piano rischiano la chiusura perché la norma prevede la revoca delle concessioni a coloro che non hanno attuato le previsioni del piano alla sua scadenza. Se si pensa che solo ad Ameglia il piano è stato attuato da due attività e altre due sono in istruttoria, si capisce la dimensione del problema.

La nostra proposta è divisa in due fasi, la prima fase deve essere una normativa ponte dove il Parco deve concedere alle attività esistenti un congruo termine per mettersi in regola con poche e chiare prescrizioni di carattere ambientale, che vadano oltre la semplice gestione dei rifiuti e degli scarichi, per le quali già il Comune tiene monitorato il territorio, ma che prescrivano uno spartiacque tra i pirati della nautica e gli imprenditori onesti. Oggi sul fiume ci sono tanti imprenditori corretti ma alcuni un po’ per pigrizia, un po’ perché hanno pensato di essere più furbi degli altri, non hanno investito seguendo il Piano, ora dobbiamo dare un obbligo di sviluppo chiaro che consenta servizi e concorrenza leale tra gli operatori. Per i pirati invece non ci deve essere tregua perché sviliscono il settore nautico e creano enormi problemi ambientali. Bisognerà poi individuare aree in sicurezza per la piccola nautica sociale e i circoli, compatibili anche con il piano di protezione civile che non può consentire il monitoraggio attento di piccole realtà fuori dai centri abitati.
La seconda fase deve essere un nuovo Piano della Nautica che superi le previsioni servili nei confronti di Marinella contenute nel precedente piano e che consenta uno sviluppo armonico del fiume recuperando ampi tratti naturali. In tutto questo però deve essere il Comune l’attore della pianificazione, stiamo predisponendo il nuovo Piano Urbanistico e non possiamo lasciare un buco riempito da dinamiche che rischiano di essere lontane dalle esigenze del territorio come già avvenuto con la Marinella. Il Parco deve creare una previsione di massima e il Comune redigere un piano particolareggiato che consenta il recupero del fiume da parte degli abitanti e la valorizzazione delle imprese nautiche che danno opportunità di lavoro e turismo. Il primo Piano è fallito, chiediamo di non creare un nuovo fallimento.

Andrea De Ranieri
Sindaco di Ameglia

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
Comune di Ameglia

Via Caffaggio, 15
19031 Ameglia SP

Tel. 0187 60921 

www.comune.ameglia.sp.it

Ultimi da Comune di Ameglia

Mercato in strada, gara di torte, gonfiabili per bambini e tanto atro ancora, questo è Hello Summer ad Ameglia. Leggi tutto
Comune di Ameglia
Ecco gli orari di apertura. L'assessore Ferti: "Abbiamo anche creato una brochure turistica". Leggi tutto
Comune di Ameglia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa