Amministrative ad Arcola, una parte degli iscritti PD chiede le primarie In evidenza

In caso contrario si dicono pronti a riconsegnare la tessera del partito.

Venerdì, 05 Aprile 2019 19:44
Monica Paganini, ex dirigente Salt e attualmente imprenditrice agricola, è il candidato che spacca in due il Partito Democratico.
Occorre un dialogo diretto, aperto, schietto e leale con i cittadini che hanno bisogno di scegliere ed essere partecipi.
Così cresce e vince un partito, parlando direttamente e lealmente alla gente in un modo nuovo che oggi nessuno pratica.
No a accordi e spartizioni a priori nelle segrete stanze.

La presa di posizione netta e chiara del circolo Pd di Arcola emerge da considerazioni che hanno portato il segretario dell'Unione Comunale a non tenere in alcuna considerazione la nostra reiterata richiesta di un mese fa di scegliere il candidato a sindaco del centrosinistra con il metodo delle primarie, preferendo calare un nome dall'alto senza alcun tipo di condivisione con il circolo più numeroso in termini di iscritti del Comune di Arcola e rinunciando all'idea del Pd come perno di una larga alleanza di centrosinistra, che di fatto perderà sicuramente anche una parte della possibile coalizione che ha appoggiato l'amministrazione uscente e altri partiti.
Inoltre in modo alquanto discutibile e poco trasparente, fatto di incontri nascosti tra pochi, il segretario dell'Unione Comunale e una parte del partito ha ceduto ai veti e alle imposizioni di alcune forze di sinistra sacrificando ogni tipo di candidato espressione del Partito Democratico, dimostrando un segnale di grande debolezza nei confronti della maggior parte degli iscritti e prendendosi la responsabilità di spaccare di fatto in due il Pd arcolano.

Si segnala inoltre che 62 degli iscritti hanno presentato un documento di richiesta delle primarie come strumento di scelta del candidato a sindaco e molti dei quali sono preoccupati della scelta calata dall'alto e pronti a riconsegnare la tessera del Partito Democratico perché si sentono traditi e defraudati della possibilità di scelta democratica.

Detto questo a maggioranza del direttivo del Pd di Arcola esprimiamo la nostra contrarietà alla proposta di candidatura calata dall'alto di Monica Paganini, non per motivi personali sulla persona, ma perchè fermamente convinti che i principi democratici vengano prima di metodi propri della vecchia politica che allontana sempre più i cittadini dalla partecipazione attiva.


Il direttivo Pd Arcola Ponte

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Partito Democratico

L'intervento del vicesegretario del Pd di Sarzana Francesca Castagna. Leggi tutto
Partito Democratico
Il commento del Partito Democratico ai premi per i dirigenti della sanità. Leggi tutto
Partito Democratico

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa