"Le primarie de PD fatte nei locali del comune", la riflessione de Gruppo di opposizione In evidenza

"Questo modo di limitare il lavoro dell’opposizione è veramente intollerabile e manca di rispetto non solo a noi consiglieri ma a tutti i cittadini Calicesi"

Sabato, 30 Marzo 2019 20:32

Il 3 marzo si sono svolte le primarie PD, e vorrei fare una riflessione sulle sedi di svolgimento che dall’elenco pubblicato sul sito PD Liguria, la maggior parte sono circoli o sedi locali di partito, un paio forse di locali pubblici e qualche sala consiliare. Due invece i comuni che addirittura hanno messo a disposizione gli uffici comunali: Calice al Cornoviglio con la sede di Piano di Madrignano dando l’atrio e l’ufficio del sindaco e guarda caso l’ex Sindaco di calice ora di Bolano.
Per permettere queste primarie è stata questa volta eseguita una delibera di giunta per definire la concessione, probabilmente, perché alle precedenti primarie il nostro gruppo di opposizione, capitanato dal compianto Riccardo Roffo, aveva scritto al Prefetto per chiedere di impedirle, che però, diede poco peso alla nostra lamentela che era comunque l’espressione di molti cittadini che non avrebbero voluto che si svolgessero negli uffici comunali.
Dalla delibera si evince questa volta la possibilità, per le altre forze politiche, di avere a disposizione per l’uso, al bisogno, degli stessi spazi. L’opposizione, vedendo rifiutato dal Sindaco, all’inizio del nostro mandato l’uso di una stanza dove riunirsi, ha fatto formale richiesta nei tempi prestabiliti dalla delibera chiedendo l’uso dell’ufficio del sindaco per le riunioni di noi consiglieri, che da dieci anni di opposizione è costretto a vedersi per discuterne di questioni comunali in posti pubblici senza privacy ledendo il nostro diritto di fare politica nel migliore dei modi. Ci siamo dovuto rivolgere anche questa volta al prefetto perché nella richiesta avevamo espresso delle date con degli orari che non sono state rispettate non abbiamo ancora ricevuto nessuna risposta alla nostra richiesta.
L’arroganza di questa amministrazione che utilizza metodi come questo per limitare il lavoro dell’opposizione è veramente intollerabile e manca di rispetto non solo a noi consiglieri ma a tutti i cittadini Calicesi, perché i disagi di un lavoro fatto male da parte dell’amministrazione lo subisce il singolo cittadino e non i responsabili.
Sicuramente Calice Popolare ha sempre e comunque lavorato cercando di risolvere le problematiche, soprattutto andando incontro alle richieste dei cittadini e raccogliendo le lamentele degli scontenti e come gruppo politico, Non ci arroghiamo il diritto di esporre bandiere politiche fuori dagli uffici comunali come invece è stato fatto per le primarie del PD negli uffici Comunali!

Alessandra Cacciavillani

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

La lettera di un gruppo di residenti: "Abbiamo creato una rete di comunicazione, non rinunciamo a perdere la tranquillità". Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
Prosegue il giro di vite sulla movida spezzina stabilito nei giorni scorsi nel Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa