Friday for Future, ogni anno 7 milioni di morti per l'inquinamento In evidenza

Il Portavoce UNICEF Italia: "Abbiamo il dovere di ascoltare questi ragazzi".

Venerdì, 15 Marzo 2019 21:23

“Migliaia di ragazzi aderiscono al “Global Climate Strike For Future” la manifestazione mondiale nata per chiedere interventi concreti contro il riscaldamento globale, l’inquinamento e i cambiamenti climatici. Non posso che dirmi vicino a questi ragazzi e a questa grande battaglia: è in gioco il loro futuro e i Governi di tutto il mondo non fanno ancora abbastanza per salvaguardarlo. Per questo, annuncio che, come UNICEF Italia, abbiamo deciso di aderire alla Manifestazione mondiale” – lo dichiara Andrea Iacomini, Portavoce dell’UNICEF Italia.

“Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità ogni anno 7 milioni di morti sono riconducibili all’esposizione a fonti di inquinamento. I bambini sono tra i gruppi maggiormente a rischio” – continua Iacomini- “Lo studio dell’UNICEF Danger in the Air: How air pollution can affect brain development in young children, mostra che sono circa 17 milioni i bambini con meno di un anno di età che vivono in aree in cui l’inquinamento atmosferico è di almeno 6 volte superiore ai limiti internazionali. Questi bambini respirano aria tossica che mette potenzialmente a rischio il loro sviluppo cerebrale: oltre tre quarti di loro ( 12 milioni) vive in Asia Meridionale. In Europa 500.000 morti ogni anno sono riconducibili agli effetti dell’inquinamento”.

“Il benessere dei bambini in ogni suo aspetto dipende molto dall’ambiente in cui vivono, ed è per questo necessario fin da subito iniziare a ridurre drasticamente le emissioni di gas serra scongiurando in questo modo il surriscaldamento globale. I disastri climatici, la diffusione di malattie trasmesse da vettori, la scarsità d'acqua ed il livello del mare in aumento sono tutti fenomeni in grado di minare i diritti fondamentali dei bambini, specialmente quelli in condizioni di povertà. UNICEF è impegnato ogni giorno per far sì che tutti i bambini e le bambine possano godere del miglior stato di salute possibile, così come previsto dall’articolo 24 della Convenzione Sui Diritti Dell’Infanzia e dell’Adolescenza. Chiediamo alle istituzioni di promuovere politiche che contribuiscano a ridurre l’esposizione dei bambini ad agenti dannosi e fonti d’aria inquinata, anche attraverso l’adozione di misure che migliorino la consapevolezza e il monitoraggio dell’inquinamento. Sono gli stessi bambini e ragazzi a chiedere risposte immediate: domani è già tardi. Bisogna agire adesso”, conclude Iacomini.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Unicef

Per firmare c'è tempo fino al 31 marzo 2020. Leggi tutto
Unicef
Voce ai più piccoli e il Comune e il Comando dei Vigili del Fuoco si coloreranno di blu. Leggi tutto
Unicef

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa