Robot protesico al San Bartolomeo, le riflessioni di Battistini In evidenza

"E' indispensabile garantire tutte le esigenze dei pazienti".

Domenica, 30 Dicembre 2018 19:43
Mako Striker, il robot protesico noleggiato da ASL5, per 3 anni, per un importo di circa 4.200.000 euro, fagocita le sale operatorie dell’Ortopedia di Sarzana. La priorità, visto l’alto costo dell’apparecchiatura e delle forniture necessarie, sembra diventata quella di ammortizzare le spese sostenute e superare i minimi garantiti promessi all’azienda fornitrice. Almeno 500 interventi dal 2017 al 2019. Gli interventi non eseguiti con l’impiego di Mako Striker diventano, quindi, secondari mentre il robottino acquisisce una priorità sempre crescente. A preoccupare però sono le liste di attesa dell’Ortopedia di Sarzana per gli interventi chirurgici con tecniche tradizionali e soprattutto per quelli non protesici. Sono circa 600 i pazienti che aspettano di essere chiamati e che rischiano, quelli si, di rimpolpare sempre di più le fila di chi fugge fuori regione per farsi curare, non trovando in ASL5 risposte adeguate. Questo provoca un evidente disagio per i pazienti e le loro famiglie. Tra l’altro non tutti gli interventi protesici possono essere eseguiti con l’utilizzo del robot. Le displasie dell’anca, la coxa profonda, la necrosi della testa del femore e i pazienti con un grado severo di osteoporosi sono esclusi dal campo di applicazione di Mako Striker.

Anche i numeri diventano importanti all’interno del dibattito. Per esempio: un intervento protesico di anca eseguito con tecnica tradizionale ha un costo costo complessivo, considerando anche i giorni di degenza ospedaliera, di 12.814 € contro i 15.600 € per un intervento con Mako Striker. Per il ginocchio, con tecnica tradizionale, i costi si aggirano attorno ai 12.800€ mentre con l’impiego del robot si sale a 15.100€. Anche le tempistiche d’intervento robotizzato risultano essere maggiori. Basti pensare che per l’anca Mako Striker necessita, in media, di 92 minuti contro i 65 necessari per la tecnica tradizionale. In conclusione Mako Striker è stato, ed è, una operazione di marketing sanitario ma sicuramente necessitava, al di la del mero dato economico su cui resto perplesso, di una programmazione delle sedute operatorie adeguate. Era ed è indispensabile garantire tutte le esigenze dei pazienti ad iniziare da quelli che non possono essere trattati con l’impiego del robot e per tutti quelli che sono in lista d’attesa per interventi programmati che non riguardano la protesica.

Se ASL5 avesse voluto davvero investire in questo tipo di interventistica avrebbe dovuto farlo per davvero. Ciò significa: costituire uno staff sanitario apposito su Mako Striker, installare il robot in una sala operatoria dedicata, utilizzando magari la sala dove viene parcheggiato quando attualmente non è in uso, e programmare le sue sedute non solo dal giovedì al sabato, com’è in questo momento, ma dal lunedì al venerdì e nell’arco delle 12 ore. Questo avrebbe consentito di alzare in maniera considerevole il numero dei pazienti trattati con Mako Striker e, allo stesso tempo, di non intaccare minimamente le liste d’attesa ortopediche per le altre tipologie di prestazioni. Insomma la questione riguarda sempre il classico proverbio che dice che non si possano fare le mezze con i fichi secchi mentre oggi quello che sta facendo ASL5 è proprio questo, ad iniziare dall’inadeguato numero degli ortopedici presenti nei nostri ospedali. Tra Sarzana e La Spezia ci sono appena 12 medici che devono gestire il carico di lavoro di due reparti, uno per interventi programmati e uno per la traumatologia, e poi ci sono le sale gessi e tutta l’attività ambulatoriale pre e post operatoria. Insomma ASL5 dovrebbe iniziare a pensare di andar oltre il marketing sanitario e le operazioni di maquillage.


Francesco Battistini
Consigliere Regionale Rete a Sinistra/liberaMENTE Liguria

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

di Massimo Guerra - Davvero bel gioco delle Aquile, anche se non basta contro le barricate veneziane. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa