Sinistra Italiana: "Ci sono altre priorità rispetto alla TAV" In evidenza

Manifestazione a Torino l'8 dicembre per dire NO.

Lunedì, 03 Dicembre 2018 11:18

Per costruire nuovi ospedali si dice che le risorse pubbliche non bastano, servono i soldi dei privati.
Non si capisce perché per la Tav si arrivi addirittura a ipotizzare di stanziare risorse regionali e non si possa invece chiedere ai privati.
Confindustria non è interessata a sostenere la Tav ma solo le manifestazioni a suo favore? Serve anche a loro un’analisi dei costi e dei benefici?

Multinazionali, finanza speculativa e grandi industriali italiani ci raccontano che se l’economia va male è sempre colpa di altri: tasse, costo del lavoro, infrastrutture. Noi crediamo che sia finito il tempo di farci prendere in giro. Lavoriamo troppo o non lavoriamo niente per colpa loro. Paghiamo più tasse perché trasferiscono i capitali nei paradisi fiscali, perché scelgono a là carte dove insediare le loro sedi legali e fiscali.
La decrescita infelice sono loro.

Davanti al silenzio assordante sul futuro industriale di questo Paese, (la vicenda Pernigotti è sono l’ultima pagina di un’agonia fatta di dumping e speculazione finanziaria) qualcuno pensa sinceramente che siano con i 40 minuti che potrebbero risparmiare tra 20 anni le merci per andare oltralpe a salvarci? davvero sarà il no alla Tav a rubarci il futuro?

Il Paese ha paura delle piogge e del fango, degli incendi e del vento, perché i soldi per la messa in sicurezza non ci sono. Dire che la più grande opera da sostenere sarebbe questa non è uno slogan, è semplice buon senso. Creerebbe tanto buon lavoro e salverebbe vite, oltre al patrimonio ambientale, paesaggistico e artistico.
Se una casa ha gli infissi vecchi, il boiler rotto e gli impianti non a norma, non ci si indebita per comprare un Suv.

In tutto ciò il commissario per la Torino-Lione Foietta dichiara che il traforo del Frejus è in pericolo come lo era il Ponte Morandi a Genova. Se il rischio sicurezza è concreto e immediato, come possiamo aspettare i vent’anni di costruzione della Tav? Perché non si interviene subito?

Per tutte queste ragioni, insieme a tanti e tante, l'8 dicembre saremo in piazza a Torino, perché crediamo credo che ci siano altre priorità.

 

Chiunque fosse interessato a raggiungere Torino può scrivere a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Sinistra Italiana - La Spezia

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Sinistra Italiana

"Il presidente Toti in una recente intervista ha manifestato la sua intenzione concreta di modificare significativamente la legge elettorale regionale". Leggi tutto
Sinistra Italiana

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa