Dal parere mancante del Parco alla linea demaniale: i dubbi del Comitato Sarzana che botta! sul PUD In evidenza

Il 27 novembre sarà argomento del Consiglio comunale.

Lunedì, 26 Novembre 2018 19:50
Il PUD, Progetto di utilizzo del demanio marittimo di Marinella, approda martedì 27 novembre in consiglio comunale. Oseremo dire finalmente, perché è atteso da tre anni. Il Comune ha perso finanziamenti regionali per non averlo adottato in tempo. Ora l’amministrazione guidata da Cristina Ponzanelli prova a recuperare il tempo perduto e ad accedere ai finanziamenti. Sarebbe importante per Marinella. Per questo motivo avevamo aderito con favore all’invito del sindaco di portare un contributo di analisi e di proposte già nella fase di predisposizione dell’atto. Il 25 settembre il Progetto o Piano è stato illustrato e messo a disposizione del Comitato Sarzana, che botta!, delle associazioni e consulte di quartiere rappresentate nella Consulta dell’ambiente. Una mezza rivoluzione rispetto al passato sia nell’informazione sia nella partecipazione. Per la prima volta a cinque anni dall’entrata in vigore ha trovato parziale applicazione la Delibera CIVIT ( n. 50/2013) “Linee guida per la trasparenza e l’integrità 2014-2016” che prevede tra l’altro la pubblicazione degli schemi di provvedimento prima che siano portati all'approvazione. I dirigenti hanno omesso la pubblicazione sul sito del Comune, ma il sindaco almeno ne ha reso edotti pezzi di società civile.

Il Comitato il 20 ottobre ha presentato delle “osservazioni” preliminari e proposte, bloccate in Commissione Territorio dal presidente Luca Spilamberti. Non sappiamo che uso ne sia stato fatto. A noi preme informare i cittadini delle lacune che a nostro avviso viziano il Piano/Progetto.

Innanzitutto andrebbe ridefinita la linea demaniale, battaglia di legalità che conduciamo ormai da tre anni. Lo abbiamo scritto prima dell’ultima mareggiata, che secondo alcuni “non vale” perché era una burrasca con venti a 170 chilometri orari. Il Codice della Navigazione e il Codice Civile affermano che appartengono al demanio il lido e la spiaggia (secondo lo Zingarelli “fascia di costa pianeggiante, generalmente sabbiosa”) e per la giurisprudenza della Cassazione l’arenile bagnato dalle mareggiate straordinarie (e non ordinarie come credono la Capitaneria di porto e il Demanio regionale).
Abbiamo messo a disposizione tutta la documentazione inutilmente proposta alla giunta Cavarra e abbiamo proposto di inserire nel PUD una clausola di salvaguardia del bene pubblico in vista della rielaborazione del Piano del Litorale.

E’ stato assunto il parere del Parco Magra, inviando lo studio d’incidenza? Non ci risulta. Secondo noi è obbligatorio per legge e va assunto prima dell’adozione in consiglio comunale, perché l’Ente ha competenza esclusiva sul Sito d’interesse Comunitario (europeo) di Marinella. Il PUD potrebbe essere impugnato.

Non siamo entrati nel merito se il Piano vada sottoposto a VAS (Valutazione Ambientale Strategica), anche se condividiamo il parere del giurista ambientale Marco Grondacci, secondo il quale si dovrebbe procedere a valutazione.

Invece abbiamo evidenziato che la rilevazione dello stato di fatto del litorale, su cui si fonda il Piano, non risulta conforme alla realtà, sia guardando la carta del Piano del litorale adottata dal consiglio comunale, sia guardando Google Maps e Google Hearth.
Sono necessari chiarimenti sull’area dell’Oasi e, soprattutto, sullo status di stabilimento del bagno La Goletta. Con delibera di giunta nel 2013 fu trasformato da chiosco di 100 metri quadri a stabilimento di 2.860 mq in assenza di PUD. Come è stato possibile? Dalla delibera della giunta Cavarra non si comprende.

Per gli scarichi fognari, la gestione eco-compatibile degli stabilimenti, per il risparmio delle risorse idriche ed energetiche o mancano prescrizioni o si raccomanda o auspica che i gestori siano buoni cittadini. Addirittura per la raccolta differenziata, a cui tutti i sarzanesi si devono attenere, si formula “l’auspicio” che i gestori la garantiscano. Ad avviso del Comitato va scritto l’obbligo di procedere anche sulle spiagge alla raccolta differenziata.


Comitato Sarzana, che botta!

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
Comitato Sarzana, che Botta!

Via XX Settembre, 51
19038 Sarzana SP

Tel. 338 1585006

E-mail: sarzanachebotta@gmail.com

www.sarzanachebotta.org

Ultimi da Comitato Sarzana, che Botta!

I comitati contrari alla realizzazione del biodogestore chiedono fatti concreti, con particolare riferimento alla discussione all'interno del Comune di Vezzano, ma non solo. Leggi tutto
Comitato Sarzana, che Botta!
E' l'unico aspetto sul quale può intervenire, trattandosi di una materia che compete alle regioni. Leggi tutto
Comitato Sarzana, che Botta!

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa