Fedi: "L'ingerenza del sindaco nella gestione delle commissioni è di una gravità inaudita" In evidenza

L'opinione del Segretario di Rifondazione.

Venerdì, 16 Novembre 2018 23:04

 

Al di là degli aspetti giuridici su cui probabilmente il primo cittadino dovrebbe riflettere, si tratta di un atto che mette in dubbio ed in pericolo l'autonomia del consiglio comunale, organo di rappresentanza democratica del capoluogo spezzino.

Le Commissioni consiliari sono forse l'ultimo baluardo di democrazia rimasta nei nostri comuni, luogo in cui il consigliere può interloquire con Enti, Agenzie, organi dello Stato, realtà sociali e sindacali interessati dalle varie problematiche, aperte alla cittadinanza e dove ogni affermazione ha valore legale, insomma luogo in cui ha un senso compiuto ed un'utilità reale l'esercizio dell'attività consiliare.

Se Peracchini è intollerante verso qualsiasi confronto e dissenso è problema suo, non dei valori democratici del nostro paese e del comune capoluogo.

Se Peracchini non riesce a gestire i rapporti con la sua maggioranza e' problema suo, non utilizzi metodi antidemocratici per imbavagliare il consiglio comunale ed i suoi organi come le commissioni.

In pochi mesi di amministrazione il centrodestra ed il sindaco spezzino ha inanellato una serie di episodi indegni che dovrebbero far riflettere, dal negare l'incontro con i lavoratori Acam solidali con la collega "licenziata" dall'assessore Casati, dalla nomina della super dirigente che doveva affiancare Peracchini nel riprendere in mano la situazione per ridimensionarla a capo Dipartimento per ovvia incompatibilità della funzione con il ruolo del Segretario Generale, alla vicenda dell'eternit a Marola ed alle contraddizioni che ne emergono sulle modalità di intervento dell'amministrazione sul controllo e monitoraggio del quartiere.
Non ultimo, ma per gli interessi della città senz'altro di minor interesse, i continui balletti su presunti rimpasti di giunta e sulla litigiosità delle componenti della maggioranza per acquisire un posto al sole.

In un contesto che pare di caos totale, è evidente che il Sindaco tenti di limitare scivoloni e ulteriori sbandamenti censurando le Commissioni consiliari, un'atto illegittimo che grida vendetta, col quale il sindaco vuole mettere in ordine la maggioranza e zittire l'opposizione.

Oltre ad un passo indietro del sindaco, riteniamo che sia indispensabile un atto formale del presidente del consiglio Guerri se non vuole esser complice, affinché nel suo ruolo tuteli le prerogative del consiglio comunale e dei consiglieri, consapevoli che questa vicenda minerebbe le fondamenta delle istituzioni democratiche locali.


Veruschka Fedi
Segretaria provinciale Rifondazione Comunista La Spezia

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
...

Ultimi da Partito della Rifondazione Comunista-FdS

La reazione dopo l'ufficializzazione della giunta, che vede esclusa Rifondazione dal novero degli assessori. Leggi tutto
Partito della Rifondazione Comunista-FdS
Il consigliere comunale Lombardi presenta un'interpellanza sullo stato del quartiere. Leggi tutto
Partito della Rifondazione Comunista-FdS

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa