"I porti sono nati per accogliere", anche alla Spezia la manifestazione #apriteiporti (video) In evidenza

Presidio contro la decisione del Ministro dell'Interno di negare l'attracco alla nave Aquarius carica di migranti.

Martedì, 12 Giugno 2018 21:47

Video

Alla Spezia è stato il scelto il Molo Italia quale location per la manifestazione "Aprite i porti" che si è svolta questo pomeriggio, in contemporanea in molte città italiane. Una location simbolicamente di fronte al mare. Mare in cui centinaia di migranti hanno perso la vita. Al centro della protesta, infatti, c'è la decisione del neo ministro dell'Interno Matteo Salvini di negare alla nave Aquarius, con 629 migranti a bordo, di attraccare in un porto italiano.

"Prima di tutto devono venire gli esseri umani, su questo non si deve fare un passo indietro - ha affermato Emanuele De Luca - La situazione è chiara, il governo attuale ha l'obiettivo di scaricare la colpa sui più deboli, trovare i soliti capri espiatori di fronte a politiche sociali che non sappiamo affrontare. Ci troviamo di fronte ad una guerra tra poveri, che non inizia ora con il Governo Lega - Cinque Stelle, ma va avanti da anni.
Oggi, è evidente, c'è uno scivolamento dell'opinione pubblica a destra, ma c'è anche un paese che ha deciso di resistere ed è da qui che bisogna ripartire.
Ora, infatti, in contemporanea alla Spezia, ci sono manifestazioni in molte città italiane.
La Spezia è un porto e questa mobilitazione, che è nata dal basso, scaturisce dall'idea che i porti sono nati per accogliere. non esistono porti chiusi.
Ma oggi siamo qui per dire non solo questo, ma anche che non vogliamo i lager in Libia, non vogliamo la Siria come ora, non è che se non vediamo affondare delle persone i problemi sono risolti.
Dobbiamo affrontare questa tematica con serietà ed umanità, non dobbiamo fare come negli ultimi anni perchè ci sono problemi che vanno ben oltre il Mediterraneo".

"Si dice aiutiamoli a casa loro - ha concluso De Luca - visto che l'indotto spezzino gira intorno al militare, smettiamo di vendere armi ai paesi in guerra, visto che la maggior parte dei migranti viene da zone di conflitto2.

Infine una provocazione: "Noi lanciamo anche uno scambio di ostaggi: 629 di quei migranti contro 629 simpatizzanti di questo governo".

Autore
Vota questo articolo
(2 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Parcopoli, Bonanini ai domiciliari

Martedì, 11 Dicembre 2018 17:53 cronaca-cinque-terre
Le sue condizioni di salute "non sono compatibili con il carcere". Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Pontremolese, Orlando incalza il Governo

Martedì, 11 Dicembre 2018 17:38 politica
Interrogazione al Ministro Toninelli. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa