Geriatria al San Bartolomeo, saranno effettuati i lavori per spostare la camera "isolata" In evidenza

Stanziati 28mila euro ma, sottolinea il consigliere regionale Battistini, non c'è certezza sui tempi.

Venerdì, 13 Aprile 2018 16:18
Non è la prima volta che ci occupiamo della Geriatria di Sarzana anche perché sono note a tutti, da tempo, le criticità che insistono su quel reparto: carenza di personale infermieristico e sociosanitario; dislocazione di alcuni posti letto isolati dal resto della corsia.
La combinazione tra questi fattori, nei mesi scorsi, ha prodotto non pochi problemi tra presunte mancanze assistenziali e prescrizioni di funzionamento arrivate direttamente da A.Li.Sa.
È con lo spirito di trovare soluzioni concrete, assolvere a queste prescrizioni, agevolare il personale nei compiti assistenziali e tenere più compatta possibile la corsia che, lo scorso 17 gennaio, abbiamo effettuato un sopralluogo dal quale era nata una interrogazione che oggi abbiamo discusso in Consiglio Regionale.

Sotto accusa una camera, con 4 posti letto, dislocata ben oltre le porte tagliafuoco, in una posizione slegata e distante dal resto delle stanze che compongono la Geriatria.
Lo abbiamo visto subito: così non può funzionare.
Il corridoio è troppo lungo e quei pazienti necessitano di esser tenuti sotto controllo in maniera costante. Il personale è poco e con tale sistemazione si rischia di non riuscire a soddisfare le esigenze dei degenti in tempi accettabili e non solo in caso di urgenza.

L’Assessore oggi ci ha risposto che hanno verificato tale criticità e che concordano sulla soluzione da noi prospettata. All’ingresso del reparto è presente, infatti, un locale di metratura ampia, utilizzato al tempo della Don Gnocchi come palestra, e ad oggi inutilizzato. Quel vano potrebbe essere adibito a camera di degenza per 4 pazienti.
Certo, bisogna eseguire dei lavori di ristrutturazione perché vanno creati i servizi igienici, oggi mancanti. Bisogna, inoltre, verificare il funzionamento degli impianti per i gas medicali ed è necessario ridurre il volume della camera realizzando così anche un ambulatorio medico.

I soldi ci sono: sono stati stanziati 28.000€ ed esiste anche un progetto redatto da ASL5. Alla domanda principale riguardante le tempistiche di realizzazione è mancata però la risposta dell’Assessore.
Come sempre il grande assente della Sanità ligure è la pianificazione.
Ingenti quantità di soldi pubblici investiti senza avere certezze dei risultati finali e soprattutto dei tempi per ottenerli. Anche in questo caso manterremo alta la nostra attenzione perché la soluzione è efficace ma abbiamo bisogno di tempi rapidi per raggiungerla.

Francesco Battistini
Consigliere Regionale Rete a Sinistra/liberaMente Liguria

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Sabato 21 luglio a Levanto alle ore 21.15 presso la centralissima piazza Cavour (piazza del Municipio) si esibirà la Banda musicale "Giuseppe Verdi" di Sesta Godano. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
Oltre alle autorità, presente Alessandro Giannessi. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa