Pietro Tedeschi: "Io sono per il cambiamento, io sono per il Parco" In evidenza

Il presidente del Parco di Montemarcello Magra Vara, ha ancora qualcosa da dire al presidente della regione Giovanni Toti.

Martedì, 20 Febbraio 2018 16:21

"Non vi è dubbio che il Parco abbia svolto un insostituibile ruolo di tutela, soprattutto negli anni in cui la saldatura d' interessi tra gruppi immobiliari nazionali e proprietari fondiari locali stava per prevalere sul bene comune rappresentato, al tempo, dall'integrità del paesaggio del Caprione.

E non vi è dubbio che il Parco, successivamente esteso al Magra -Vara, abbia posto un freno all'uso che Comuni ed aziende pubbliche facevano dell'area golenale del fiume, dal momento che le discariche tutt'ora presenti contengono soprattutto rifiuti solidi urbani, rifiuti ospedalieri e ceneri dell'Enel che di certo non furono smaltiti all'insaputa dei Sindaci e degli Amministratori di allora.
E se oggi il Magra non è ridotto come il Lambro, l'Aniene o il Sarno, alla cui tutela, in assenza di un Parco, avrebbero dovuto provvedere le rispettive amministrazioni Comunali, lo dobbiamo al Parco.
E quindi la richiesta di abolizione del Parco "suona" male, rimanda a tempi e responsabilità - o meglio irresponsabilità - che vorremmo non ricordare.
Quanto sopra certamente non basta ed è
per questo che da Presidente ho immaginato un Ente diverso, che sapesse programmare nel medio periodo: ho posto con forza il problema delle discariche, della delocalizzazione delle attività produttive in contrasto ambientale, della salvaguardia dei corpi idrici superficiali e profondi.
Un Ente che sapesse promuovere le associazioni di Comuni perchè i Comuni fossero più forti nel difendere i loro interessi ambientali e nell'attrarre risorse.
Un Ente che sapesse decidere con rapidità ed efficacia quando, come in occasione del PSR, vi fosse la possibilità, decidendo, di "conquistare" risorse da destinare alle molte opere necessarie, attese in alcuni casi da decenni.
Ho condiviso con Federparchi sia la diagnosi dei problemi, comuni al nostro come agli altri Parchi, sia i suggerimenti per una Legge migliore, che la regione non ha mai messo all’ordine del giorno!!!
Ma non posso condividere posizioni estreme - che tutto va male o che tutto va bene - buone per uno scontro politico che nulla ha a che fare con gli interessi della collettività, ma non buone per me che non ho alcuna ambizione politica, e sto svolgendo il mio ruolo volontaristicamente, se non quella di ricercare un punto d'incontro tra gli inevitabili particolarismi locali ed una visione di area vasta che i singoli Comuni, presi singolarmente, non possono esprimere.
Ho chiesto alla Regione più poteri, più governabilità, più risorse, iniziando da un fondo per la progettualità che ci consentisse di partecipare a tutti i bandi di nostro interesse, nessuno escluso.Ad oggi invece nessuna traccia sia del fondo che dell’attivazione dei progetti del PSR
Caro presidente, io sono per il cambiamento. Io sono per il Parco".

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Spacciatore arrestato dai Carabinieri

Venerdì, 04 Dicembre 2020 13:45 cronaca-sarzana
Operaione della compagnia di sarzana in collaborazione con quella di Carrara Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa