Commissione sanità su ASL5, Pastorino e Battistini: "Viale, Conti e Banchero evitano il confronto" In evidenza

I consiglieri regionali di Rete a Sinistra - LiberaMente Liguria parlano di una mancanza di rispetto istituzionale.

Giovedì, 11 Gennaio 2018 17:31

 

I gravi problemi riscontrati in ASL5 al centro della commissione sanità convocata questo pomeriggio in regione. Sul tavolo il “caso Banchero”, la carenza cronica di personale medico e infermieristico, la recente anomalia nella promiscuità di funzioni assegnate agli OSS. Mancano all’appello, invece, i presunti maltrattamenti avvenuti nel reparto di geriatria del San Bartolomeo di Sarzana, nonostante la specifica richiesta avanzata dal gruppo Rete a Sinistra / LiberaMente Liguria. Stupisce anche la mancata convocazione del pur disponibile ex direttore amministrativo, dott.sa Lodetti, dimessasi in aperta polemica con i nuovi vertici dell’azienda sanitaria e paventando la possibile illegittimità di alcune delibere poste alla sua firma.

La commissione parte malissimo: l’assessore Viale non si presenta: giustifica la sua assenza con una lettera in cui evidenzia impegni istituzionali a Roma. Della sua assenza si fanno forti la stessa Banchero e Conti, rispettivamente direttore sanitario e direttore generale, cioè le figure apicali chiamate direttamente in causa. Entrambi ci inviano una richiesta di chiarimenti, piuttosto banale, proprio sui temi in questione. Ignorano, forse deliberatamente o forse per scelta politica, che lo scopo di un’audizione è proprio quello di confrontarsi per fare chiarezza? Non ci sono scuse: da tempo gli argomenti sono al centro di un accesissimo dibattito politico, sono mesi che chiediamo dati e informazioni alla dirigenza di ASL5, e di certo la convocazione non è stata improvvisa. Questa è una palese mancanza di rispetto istituzionale. E la farsa non finisce qui, perché non si presentano neppure gli uffici di A.li.sa né del dipartimento salute. La “grande fuga” dei vertici trova una lodevole eccezione nella Dott.sa Carlucci, direttore dei presidi. Una palese fuga dalle responsabilità, che fa il paio con il clima di censura che, secondo il collegio sindacale, incombe su ASL5 a partire dal commiato della Lodetti accuratamente oscurato. Assenze istituzionali e assenze amministrative dimostrano, infatti, che le parti in causa eludano il confronto con il collegio sindacale di ASL5, presente in audizione. Alla faccia della trasparenza tanto decantata dal centrodestra.

Prosegue inoltre il silenzio assordante sui documenti che attestino i requisiti della dott.sa Banchero a ricoprire il ruolo di direttore sanitario in ASL5. Non sono bastati gli esposti presentati dal collegio sindacale alla Procura e alla Corte dei Conti: ad oggi non è noto se ASL, A.li.sa e regione siano in possesso di tali documenti, che dovrebbero superare la nota sentenza del Tribunale di Milano che smentiva il possesso dei requisiti e quindi, nel caso, la titolarità della dott.sa Banchero per il ruolo ricoperto.
Ad oggi l’unico documento reperibile continua a essere la sua autocertificazione, la cui veridicità non è stata accertata dal direttore generale neppure all’atto della nomina: secondo questa ricostruzione, Conti avrebbe quindi omesso di ottemperare al Dpr 484, articolo 1 comma 4. Se la mancanza dei requisiti fosse confermata, il rischio reale è che le delibere firmate dalla dott.sa Banchero in assenza del direttore generale vengano dichiarate illegittime. Quindi, qualsiasi ricorso su quelle delibere, più che prevedibile, aprirebbe una crisi devastante in ASL5. Accogliamo l’invito del collegio sindacale: saremo promotori di una ulteriore richiesta di presentazione dei documenti che legittimino, una volta per tutte, la nomina della dott.sa Banchero. Per fornire queste carte sarebbe bastato un tempo certamente inferiore a quello impiegato per scrivere la lettera che abbiamo ricevuto oggi: un’imbarazzante giustificazione circa l’assenza di Banchero e Conti alla commissione sanità.


Gianni Pastorino e Francesco Battistini
Rete a Sinistra LiberaMente Liguria

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

di Luca Manfredini - L'associazione e lista civica "Sarzana per Sarzana" inaugura in piazza Calandrini il proprio point dove accogliere ed informare i cittadini. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa