Luni, Fantini: "La maggioranza chiede aiuto a Pampana e al M5S" In evidenza

Il capogruppo di Ortonovo in Movimento commenta l'ultimo consiglio comunale.

Martedì, 14 Novembre 2017 18:38

Un Consiglio Comunale molto particolare quello di ieri sera a Luni con un ordine del giorno redatto in modo approssimativo, una maggioranza in netta difficoltà a far approvare due atti importanti, la modifica della convenzione con ACAM e il Regolamento Edilizio Comunale, e la stessa maggioranza che vota contro la nostra mozione per lo studio di una convenzione per l’installazione di ecocompattatori, con l’obiettivo di premiare economicamente i cittadini virtuosi nella differenziazione dei rifiuti.

Due assenze nella maggioranza e, quindi, la necessità di avere il supporto di almeno 2 consiglieri di minoranza, in base all’art. 10 comma 10 dello Statuto Comunale che prevede la presenza di un numero legale pari a 9 Consiglieri, incluso il Sindaco, per procedere a qualsiasi deliberazione.
10 i presenti nella prima votazione, relativa alla modifica della convenzione ACAM, con la mia mancata partecipazione alla stessa, motivata dalla pessima gestione, da parte del Presidente del Consiglio Comunale, che, convocando e poi annullando il Consiglio Comunale del 28 Ottobre, aveva, di fatto, superato la data termine del 30 Ottobre prevista per l’approvazione di quella modifica.
9 i votanti alla seconda, relativa all’approvazione del Regolamento Edilizio Comunale, con Fini e il sottoscritto che non partecipano al voto e Pampana e Paolo Andreani (M5S) che, con la loro presenza, garantiscono alla maggioranza il numero legale per l’approvazione, stampelle indispensabili per evitare una caduta piuttosto rumorosa e politicamente significativa.

Maggioranza che va poi in confusione sulla Mozione, presentata dal nostro gruppo, relativa alla proposta di attivazione di una convenzione per l’installazione di ecocompattatori per plastica e alluminio, con erogazione di buoni acquisto o riduzione della Tari per i cittadini.
Durante la discussione mi viene chiesto di ritirare la mozione per avviare la discussione in Commissione ambiente e territorio e, al mio rifiuto, la maggioranza vota contro, nonostante il 5° punto del dispositivo della mozione contenesse esattamente quanto richiesto un attimo prima: “A stabilire un calendario lavori che permetta d’iniziare già nei prossimi giorni la discussione in commissione al fine di raggiungere tale obiettivo nel tempo più ristretto possibile, identificando, anche attraverso il MEPA, più aziende che si occupino di tali attività”.

Insomma una serata che, se ce ne fosse ancora bisogno, ha confermato come gli interessi dei cittadini passino in secondo piano rispetto alla volontà di imporre le proprie scelte, indipendentemente dai contenuti e la certezza che chi è stato eletto promettendo una discontinuità con questa amministrazione, ne sia, invece, totalmente allineato.


Andrea Fantini

Consigliere Comunale - Capogruppo Ortonovo in Movimento

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

"I termini del Bando sono stati fissati nell’ordine di 13 giorni e ci pare evidente che, per un incarico così importante e complesso, i tempi messi a disposizione per le… Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
Serata da incubo per la Fonteviva. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa