Bretella Santo Stefano-Ceparana, la vicenda ricostruita dal PD In evidenza

Paita e Michelucci: "L'opera era pronta a partire, ma era stata cancellata da Toti"

Martedì, 10 Ottobre 2017 18:29
“Serve un po’ di chiarezza sul ponte Ceparana-Santo Stefano, un’opera fondamentale per il nostro territorio i cui lavori potrebbero finalmente partire a breve. Anche perché si sono persi almeno due anni”. Lo dicono i consiglieri regionali del Partito Democratico Raffaella Paita e Juri Michelucci.

“Alla fine del mio mandato di assessore alle Infrastrutture della Regione – spiega Paita - era tutto pronto. Bastava solo far partire i lavori. La Giunta Toti, però, ha tolto i finanziamenti che noi avevamo stanziato. E soltanto oggi, grazie al Governo, l’intervento può partire”.

I due consiglieri raccontano nei dettagli la vicenda.
“Il 19 dicembre 2013 è stato sottoposto a tutti i Comuni interessati un protocollo d’intesa per la realizzazione del ponte Ceperana-Santo Stefano – sottolinea ancora la capogruppo Pd - Poi la Giunta ligure di centrosinistra è riuscita a trovare 8 dei 10 milioni necessari a realizzare l’opera tramite i fondi Fas della Regione, mentre i 2 milioni rimanenti li avrebbe messi Salt. A febbraio 2014 è partita la procedura di Vas (la Valutazione ambientale strategica), che si è conclusa nel maggio del 2015; poi è stata approvata la delibera 706-15 e abbiamo ottenuto l’ok sul progetto definitivo. Insomma: era tutto pronto, bastava far partire i lavori. A quel punto però sono arrivate le elezioni regionali. Le ha vinte la destra e Toti e Giampedrone hanno immediatamente bloccato tutto. Anzi, visto che Salt non intendeva più mettere i due milioni promessi, invece di cercarli altrove, la nuova Giunta regionale, nel settembre 2015, ha cancellato l’opera, dirottando gli 8 milioni che avevamo stanziato per il ponte su altri interventi, in altre province. Nel gennaio del 2016, infine, nell’elenco delle opere finanziate coi Fas il Ceparana-Santo Stefano è stato depennato”.

A quel punto il Gruppo del Pd in Regione ha deciso di muoversi per conto proprio. “Per riparare allo ‘scippo’ di un’opera strategica come questa – spiegano Paita e Michelucci - siamo andati a parlare con il ministro Delrio, spiegandogli che si trattava di un ponte fondamentale e chiedendogli di finanziare la sua realizzazione quando i fondi Fsc sarebbero tornati nazionali. Delrio ha risposto positivamente e ha mantenuto la promessa. Solo ora, grazie al finanziamento nazionale, la Regione Liguria è riuscita ad approvare la variante al Parco necessaria per dare il via ai lavori. Adesso – concludono i due consiglieri del Pd - speriamo davvero che l’intervento possa partire e che la Giunta Toti non ci riservi altri stop. Ricordiamo che il Governo ha trovato i soldi per quest’intervento e sarebbe inaccettabile perdere altro tempo. È comunque incredibile come questa maggioranza non sia in grado di portare a casa neppure un successo”.

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Partito Democratico

Il commento dei consiglieri comunali del Partito Democratico dopo la conferenza dei capigruppo. Leggi tutto
Partito Democratico
Approvato l'ordine del giorno dei consiglieri PD Paita e Michelucci. Leggi tutto
Partito Democratico

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa