Paita: “Un uomo precipita e muore. Ingiustificabile e grave festeggiare la notizia perchè si tratta di un immigrato” In evidenza

"La cospicua presenza di frasi ciniche è il segno della cultura intollerante in cui siamo sempre più immersi".

Sabato, 05 Agosto 2017 16:06

“Festeggiare la morte di un uomo che muore precipitando dal balcone di una cattedrale – dichiara Raffaella Paita, capogruppo del Pd in Regione Liguria – è un segno di inciviltà. Non importa se è un immigrato. Commenti come ‘Uno di meno’, ‘Nella bara ci finiamo noi se continuano ad arrivare barconi’, ‘Uno di meno da mantenere’, sono l’espressione di una cattiveria senza giustificazioni, capace di inasprire un clima già difficile e non solo per l’arrivo dei migranti. Il fatto è accaduto ieri sera alla Spezia, mentre in piazza Europa si stava concludendo la sfilata che ha aperto le manifestazioni sul Palio del Golfo. L’uomo, H.M., è salito sul balcone della cattedrale Cristo Re che si affaccia sulla piazza, ha perso l’equilibrio, è caduto ed è morto. Chi ha letto la notizia l’ha commentata pubblicando post di questo tenore. Non tutti, per fortuna. Ma la cospicua presenza di frasi ciniche è il segno della cultura intollerante in cui siamo sempre più immersi. Rivolgo un invito agli amministratori dei siti a vigilare sui contenuti dei post che divulgano”.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
...

Ultimi da Partito Democratico

La nota della Segreteria PD La Spezia. Leggi tutto
Partito Democratico
Luca Garibaldi e Davide Natale (PD): ""Le commissioni III e IV si sono già pronunciate quasi unanimemente per impegnare il presidente Toti a negare l'intesa sul progetto". Leggi tutto
Partito Democratico

Continua lettura nella stessa categoria:

1 commento

  • Link al commento giovanna maggiani chelli Sabato, 05 Agosto 2017 18:23 inviato da giovanna maggiani chelli

    Frasi che denotano inciviltà sicuramente, ma la responsabilità è di chi ha fatto degli immigrati un business e non ha certo pensato a loro. Se così non fosse il tunisino immigrato oggi probabilmente sarebbe ancora vivo.

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa