Stampa questa pagina

Lombardi (Prc/Fds): "Tragedia Emilia Romagna è anche tragedia morti sul lavoro"

Almeno dieci operai caduti, rispediti a lavorare nonostante il pericolo sismico e sotto capannoni che si sono dimostrati inadeguati a proteggerli: è il prezzo più alto di sangue che il territorio emiliano ha pagato in termini di vite umane.

Mercoledì, 30 Maggio 2012 17:10
Quei capannoni che hanno spezzato l'esistenza di quei ragazzi, molti dei quali immigrati, lasciano il terribile messaggio di quanto sia considerata la vita umana di chi lavora in Italia.

E lo vogliamo sottolineare proprio oggi, a 24 ore dalla seconda tragica ondata sismica, mentre il Senato sta bellamente approvando in maniera bipartisan la cosiddetta "riforma" del lavoro Monti-Fornero, che estenderà la libertà di licenziamento e aumenterà dunque quella precarietà, anche esistenziale, che contribuisce senza ogni sorta di dubbio a mettere ulteriormente in pericolo la vita del lavoratore.

Caro presidente Napolitano, più che la parata della Repubblica, vorremmo che la Repubblica stessa tuteli la vita della propria gente, come scritto nella sua Costituzione, specialmente di chi lavora e nel lavoro trova, troppo spesso, la morte.

Giù le mani dall'articolo 18!!

Massimo Lombardi, segretario provinciale Prc/Fds La Spezia

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Partito della Rifondazione Comunista-FdS

Incontro con Paolo Ferrero alla Spezia, poi il prof. Angelo d'Orsi sarà a Sarzana. Leggi tutto
Partito della Rifondazione Comunista-FdS
Il Consigliere domunale di Spezia Bene Comune, avvocato, ritiene il provvedimento relativo alla zona di Piazza Brin illegittimo. Leggi tutto
Partito della Rifondazione Comunista-FdS

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa