Don Corsi, l'ass. Seratini: "Riparta da Lerici nuova fase di lotta alla violenza contro le donne"

L'articolo scritto dal giornalista Bruno Volpe e messo in risalto nella bacheca della sua Chiesa da Don Piero Corsi, evidenzia quanto è ancora lunga la strada verso un mondo in cui la donna e le persone più deboli vengano rispettate dalla società.

Giovedì, 27 Dicembre 2012 23:37

L'emancipazione femminile conquistata dopo anni di lotta viene minata da assurde teorie misogine che incolpano le donne e il loro comportamento, se le stesse subiscono violenze o vengono uccise.
Quante donne si trovano ad affrontare situazioni difficili, quante donne da sole crescono i loro figli, quante donne devono lottare contro uomini violenti e spesso, per paura, non riescono a ribellarsi e per amore dei figli sopportano in silenzio.
Le parole contenute nel volantino sono ancora più sentite da un territorio come il nostro dove le donne erano mogli e figlie di naviganti, da sole lavoravano e affrontavano i problemi con i loro uomini lontani. L'emancipazione per loro è arrivata presto.
Oggi più che mai è importante far sentire la voce delle donne per far si che tragedie come l'ultima avvenuta qualche ora fa ad Imperia non si vengano più a ripetere, altre due vittime di violenza domestica, per mano di chi invece doveva proteggerle.
Ho apprezzato l'intervento del Vescovo Palletti che si è dissociato da queste affermazioni e ha condannato ogni forma di violenza. Il comportamento di don Piero Corsi non deve vanificare tutti gli sforzi e il lavoro di molti sacerdoti che con il loro impegno quotidiano garantiscono e rappresentano un aiuto per chi ha bisogno.
Mi auguro che sia l'occasione per far partire da Lerici una nuova fase nella lotta contro la violenza alle donne, mi impegno come consigliera ad intraprendere un progetto di iniziative future che coinvolga scuola e associazioni.
Domani a San Terenzo si svolgerà una manifestazione del comitato "Se non ora quando" di la Spezia sulla spiaggia del paese dove verrà ribadita con forza la lotta per i diritti e il rispetto della donna; chiedo a tutti di partecipare, donne e uomini.
Il mio pensiero va a due donne, una madre e una sorella, che stanno vivendo da giorni una tragedia che ha colpito tutta la nostra comunità e mi auguro che al più presto Andrea venga liberato e possa essere riabbracciato dalla sua famiglia e dalla sua Lerici.
Giuliana Seratini
Consigliera Comunale Deleg. Pari opportunità Comune di Lerici

 

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
Redazione Gazzetta della Spezia

Redazione Gazzetta della Spezia
Via delle Pianazze, 70
19136 La SpeziaTel. 0187980450
Email: redazione@gazzettadellaspezia.it

www.gazzettadellaspezia.it

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

"In quegli avvenimenti ritroviamo le nostre radici, quelle di una comunità fondata sui valori dell’antifascismo e della democrazia". Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
Presenta il libro di Anna Pia Rarità " ...non c'è trippa per gatti" Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa