Santo Stefano, Ferrari e Zangani replicano a Lazzoni In evidenza

In merito a quanto uscito sulla stampa, di seguito gli interventi del Capogruppo di Maggioranza Ferrari Mattia e dell'Assessore alla Viabilità Angelo Zangani

Venerdì, 26 Febbraio 2016 16:06

Capogruppo Ferrari:


"Con rammarico ritengo doveroso intervenire sulla stampa a seguito di quanto è stato pubblicato negli ultimi giorni da parte di componenti che, quantomeno formalmente, dovrebbero ancora far parte del centrosinistra SantoStefanese.


Scoprirsi oggi contrari ad un progetto che da 40 anni è in tutti i programmi elettorali del centro sinistra di questo comune mi fa quantomeno pensare a quanto per interesse personale si sia disposti a rinnegare della propria appartenenza politica.


Ci si dimentica inoltre che parte della viabilità del nostro territorio è stata pensata e realizzata proprio in funzione di quel progetto che da troppi anni ormai rimane incompiuto. Ne è esempio via Togliatti che nasce proprio per fungere da collegamento tra la parte a monte, che arriva da Ceparana con quella a valle della variante che dovrebbe collegarsi a con il vicino comune di Sarzana .


Cosi come nel comune capoluogo della Spezia la realizzazione della Variante Aurelia è stata realizzata in lotti distinti, sarebbe inverosimile pensare che un progetto centrale per la viabilità della bassa Val di Magra possa essere realizzato interamente senza suddividerlo in lotti funzionali.


Affermare che il progetto è valido solo se integralmente realizzato è nulla più che strumentale.


Ancora più strano è scoprire in un comunicato che chi dopo essere stata per quasi 4 seduta ai tavoli della nostra giunta comunale e che aver sostenuto alle ultime elezioni regionali Raffaella Paita, oggi si scopre improvvisamente contraria al progetto se non in forma complessiva.


Disdicevole attaccare personalmente un Assessore del nostro comune che in questi 5 anni di amministrazione ha sempre svolto il proprio compito in maniera corretta, che è riuscito a rivoluzionare il sistema di raccolta dei rifiuti e che si è dimostrato alleato serio e corretto, come gli altri che con noi stanno governando questo comune.


Penso che sia necessario un proprio esame di coscienza e chiedersi come mai solo oggi dopo anni passati nei banchi dell'amministrazione ci si scopra così contrari a scelte strategiche che fino a poco tempo fa si sono pienamente condivise se non per ritagliarsi il "proprio cantuccio" politico."

 

Assessore Zangani:


"Mi sembra di aver colpito nel segno quando ho affermato che la Lazzoni, con motivazioni false e pretestuose, è uscita dalla Giunta di Santo Stefano. La riprova è data quando afferma che "il coraggio la sensibilità di opporsi a scelte che neanche lui comprende".


La verità è che le motivazioni le ho comprese molto più di quello che lei crede., comprese le sue ambizioni personali, probabilmente stroncate.


Non ho "infamato" Mazzanti, come non ho infamato la Lazzoni.


Avevo criticato pubblicamente un Piano Urbanistico Comunale che ricordo è stato approvato unanimemente da maggioranza e opposizione e sul quale avevo serie perplessità.
Forse, durante il periodo in cui ha ricoperto il ruolo di Assessore Esterno all'Urbanistica, avrà avuto modo di verificare se quelle mie critiche avevano o meno fondamento. Tanto abbiamo fatto in questi anni per sistemare quegli aspetti che poco mi convincevano quale il preservare il territorio pedecollinare.


Il mio percorso politico è sempre stato più che lineare: di famiglia e di tradizione socialista riformista ancora oggi sono quelli gli ideali a cui mi ispiro nella mia attività amministrativa.


Ero e sarei ancora favorevole alla terza corsia ma credo che né su me, né su questa Amministrazione, possa ricadere la responsabilità della mancata realizzazione.
In merito alla Bretella Ceparana Santo Stefano, ho massimo rispetto dei cittadini che non approvano quel progetto. Ho comunque motivo di credere che certe battaglie abbiano il solo scopo di recuperare "un pugno di voti". È quantomeno singolare che solo oggi, dopo gli anni in cui tu eri partecipe a tutto l'iter amministrativo in qualità di Assessore e dopo il tuo appoggio elettorale all'allora assessore uscente, Rafaella Paita, che non solo ha seguito direttamente l'approvazione definitiva in regione ma ha fatto di quella iniziativa parte importante della sua campagna elettorale alle Regionali, solo oggi manifesti la tua contrarietà.


Non so a quale "mio cantuccio" tu ti riferisca. Il mio impegno è sempre stato improntato ad un rapporto con tutti i cittadini, indipendentemente da come la pensino. Da quando in campagna elettorale ho reso pubblico il mio numero telefonico, è sempre rimasto acceso per tutti.


Anche nel periodo in Giunta i rapporti tra noi erano tesi. Pensavi, e come te altri, che non avrei sostenuto lealmente questa Amministrazione.


Avevi sbagliato i conti.


Avresti voluto escludermi. Ma ti sei esclusa tu."

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Il fronte ha già attraversato la zona dell'imperiese e transiterà sul centro-levante nelle prossime ore Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
Le spezzine cedono solo nel finale. Top scorer delle bianconere è Templari con 14 punti Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa