S. Stefano, il consiglio comunale sposa la battaglia CISL per un fisco più giusto In evidenza

Il consiglio comunale di Santo Stefano Magra, su proposta del Gruppo Per Santo Stefano Magra, ha approvato all'unanimità l'odg in appoggio alla raccolta firme del Sindacato CISL sul progetto "Per un fisco più giusto ed equo".

Martedì, 14 Luglio 2015 16:53

"La mia formazione politica, cristiano sociale, - spiega Francesco Ponzanelli di Per Santo Stefano Magra - mi ha sempre reso attento e sensibile alle problematiche che il Sindacato della CSL ha voluto proporre attraverso questo suo importante documento. ma egualmente ben comprensibile per una politica attuale in cui molti dei valori, tra cui quello della famiglia, si stanno silenziosamente estinguendo, sotto foschi dibattiti.

In questi tempi occorre aver ben chiaro ciò che sta accaduto, proprio per questo la Cisl ripropone attraverso questa raccolta di firme, la concreta richiesta di alcuni aiuti che possono portare importante sollievo alle attuali problematiche che investono le famiglie italiane.

Ricordiamoli per dare anche spessore pratico a questa proposta di legge di iniziativa popolare:

BONUS DI 1000 EURO; per i redditi fino a 40.000 ed uno ed un bonus ridotto da 40.000 a 50.000,

NUOVO ASSEGNO FAMILIARE: questo nuovo strumento tende a riportare maggior equità distributiva, accorpando gli attuali assegni familiari e le detrazioni per i figli. Strumento che cresce al crescere dei carichi familiari e si riduca all'aumento del reddito.

FISCALITA' LOCALE AL SERVIZIO DEL CITTADINO: proposta molto concreta che crea un tetto complessivo di tassazione collegando ciò che si paga alla fruizione dei servizi stessi, diminuendo in caso di aumento della fiscalità locale il prelievo fiscale nazionale.

IMPOSTA SULLA GRANDE RICCHEZZA NETTA: una imposta ordinaria, che, escludendo la prima casa ed i titoli di stato, porti ad un prelievo sulla ricchezza netta, ridistribuendo i proventi su lavoratori, pensionati e delle aree sociali più deboli.

RIDURRE L'EVASIONE FISCALE: aumentare i controlli,migliorare la tracciabilità dei pagamenti,colpire adeguatamente l'evasione fiscale evitando però maggiori costi alle famiglie in termini di uso di strumenti bancari in generale.

Queste sono le proposte che la CiSL ha portando a conoscenza dei cittadini del nostro Comune e la votazione unanime del Consiglio Comunale di questo ordine del giorno, avvenuto nella seduta di Consiglio Comunale dell'8 di luglio, oltre ad essere un grande segno di responsabilità della politica, vuole essere anche quello di amplificare il più possibile un importante strumento di iniziativa popolare che solleciti, anche attraverso l'invio agli altri Comuni della nostra Provincia, all'Anci ed alla Presidenza del Consiglio, l'attenzione prima e l'attuazione poi di queste importanti proposte.

Questo documento, che mi vede come firmatario proponente, è stato un documento apprezzato da tutti i colleghi del Consiglio Comunale, quindi sono ben lieto che gli stessi ed il Sindaco lo abbiano approvato all'unanimità.

L'argomento su cui la CISL ha iniziato questo percorso vuole essere un serio pungolo al Governo nazionale affinché ponga maggior attenzione sui problemi delle famiglie italiane, fortemente colpite da una crisi che sta lentamente erodendo le loro, già basse, soglie di risparmio e ponendo in serio pericolo alcuni dei cardini sociali su cui esse si basano. Per riportare maggior equità dentro questo sistema vuol dire fare nostre, in un ideale confronto con le parole di Giorgio La Pira quando scrive di "..schiacciamento dell'uomo sotto il peso delle leggi economiche e degli apparati tecnici..".

In termini attuali anche la politica ha spazi, tempi e modi per reagire a tutto questo: direi di più affermando che ha doveri precisi dai quali non può e non deve esimersi: il segnale di "silenzioso ma concreto supporto" non può che far disegnare a chi ha, come noi ruoli di Governo locale, scenari più vicini a queste richieste presentate nell'ordine del giorno, ne gioverebbe a noi ed alle nostre comunità locali". (14 luglio)

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(1 Voto)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

1 commento

  • Link al commento Roberto Ferrarini Martedì, 14 Luglio 2015 23:42 inviato da Roberto Ferrarini

    Grande sindacato la Cisl. Proposte condivisibili. Però che ciazzeccano questi. La maggioranza del Pd odiava Cofferati che le proponeva. Ricordo che, anche li, ha lasciato le penne in regione. La minoranza, quella li, dell'attivo Ponzanelli, finora esplicitamente molto di destra ci dice che vuol fare cose che nel loro mondo nessuno oserebbe pensare. Complimenti. A S. Stefano ora ci pensano loro. Redistrbuzione del reddito, guardiani della Brina ecc..
    L'importante che non si coinvolgano i Cittadini. A proposito,
    la commissione presieduta dal Ponzanelli, prima della prossima primavera, riuscirà a spiegarci il motivo della donazione? Ho come l'impressione che la maggioranza eviti la rispota. La miggioranza?

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa