Canale Lunense, Morachioli: “Bene ultime novità, ma ora serve riordino consorzi bonifica e irrigazione” In evidenza

Sul delicato tema del riordino della bonifica e irrigazione regionale, nelle ultime settimane sono intervenute importanti novità. Con la nuova legge regionale del 26 marzo scorso, in materia di "riordino delle funzioni conferite alle Province, in attuazione della L. 56/2014, nell'art. 11, relativo alla riorganizzazione della difesa del suolo, viene infatti sottolineato come a questo compito strategico concorrano i Consorzi di Bonifica. 

Mercoledì, 15 Aprile 2015 16:14
Morachioli con Burlando Morachioli con Burlando
"E' un buon risultato – commenta il Presidente del Consorzio di Bonifica e Irrigazione del Canale Lunense Massimo Morachioli – raggiunto anche grazie all'interessamento dell'assessore competente Raffaella Paita. Ora, in materia di difesa del suolo, siamo il riferimento principale della Regione Liguria. Ne consegue che, come naturale evoluzione di questa legge, il nuovo Presidente della Regione Liguria con la sua giunta e il nuovo consiglio riprendano quanto prima la legge approvata in giunta lo scorso maggio sul "riordino dei consorzi di bonifica e irrigazione".

"Questa legge – continua il Presidente - riprende un percorso iniziato da molte regioni del centro e del nord d'Italia, ultima la Toscana che ha approvato la legge di riordino alla fine del 2012, legge che è stata presa come base, proprio perché recente ed evoluta e prevede che nella governance dei consorzi entrino finalmente a pieno titolo i sindaci".

Tale legge prevede l'istituzione di 4 comprensori di bonifica che andrebbero a coprire l'intero territorio regionale (due periferici, comprensori est ed ovest, e due comprensori del genovesato, centro-est e centro-ovest) governati da altrettanti consorzi di bonifica.

Ma oltre al ruolo nel settore della bonifica, sta diventando sempre più rilevante il settore dell'irrigazione. "Intanto possiamo affermare che il Consorzio ha un introito di 150 mila euro annui grazie alla produzione di energia idroelettrica, ma è il ruolo stesso dell'irrigazione che dovrà essere sempre più valorizzato in quanto i progetti, come quello presentato recentemente da Oscar Farinetti sull'"Orto Italia" nella tenuta di Marinella, hanno bisogno di un valido apporto dal Canale Lunense quale fornitore di acqua irrigua con la sua rete che dovrà, conseguentemente, essere potenziata per diventare sempre più capillare".

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
Canale Lunense

Tel. 0187 620145 / 0187 621556

www.canalelunense.it

Ultimi da Canale Lunense

In fase avanzata anche la riqualificazione dell'edificio esistente che attualmente ospita le pompe idrovore. Leggi tutto
Canale Lunense
Aperta al pubblico con ingresso gratuito nel rispetto delle norme anti Covid, la giornata sarà interamente dedicata all'agricoltura e ai prodotti tipici del territorio in cui opera il Consorzio del… Leggi tutto
Canale Lunense

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa