Stampa questa pagina

"Let My People Live", Benifei nei campi di sterminio cechi In evidenza

In occasione della Giornata della Memoria, l'europarlamentare del Partito Democratico Brando Benifei partecipa al quarto Forum internazionale "Let My People Live", organizzato il 26 e 27 gennaio fra Praga e il campo di concentramento di Terezin da Parlamento Europeo, Repubblica Ceca e comunità ebraiche europee.

Martedì, 27 Gennaio 2015 13:46
Vi hanno aderito in oltre 500, tra rappresentanti delle istituzioni e della società civile da tutto il mondo, insieme al Presidente del Parlamento Europeo Martin Schulz. L'evento costituisce un momento di riflessione e un'occasione dalla forte valenza simbolica per ribadire insieme la forza dei valori di pace, tolleranza e democrazia su cui si fonda l'Unione europea e per assicurare che tragedie come quella dell'Olocausto non si ripetano mai più. Nel programma momenti di discussione e analisi sul ruolo dei media, della politica e della legge nel tramandare il ricordo di una delle pagine più dolorose della storia e nel combattere l'antisemitismo e l'intolleranza, con in conclusione la cerimonia di commemorazione al campo di concentramento di Terezin. "In un momento come quello attuale, a poche settimane dai tragici fatti di Parigi, e di fronte alla preoccupante recrudescenza dell'antisemitismo in Europa, ritengo cruciale  – ha dichiarato Benifei - mantenere alta la guardia: dobbiamo vigilare costantemente sui fenomeni di odio e di violenza e sostenere con forza e determinazione il rispetto reciproco e il dialogo interreligioso, elementi indispensabili per una convivenza pacifica". L'eurodeputato ha partecipato al Forum anche in rappresentanza del proprio territorio di elezione e delle giovani generazioni: "Impossibile dimenticare le tante perdite di vite umane che le deportazioni del nazifascismo causarono alla Liguria e alle altre regioni del nordovest italiano: i nostri territori non vogliono e non possono dimenticare quanto è avvenuto. Celebriamo oggi i settant'anni dalla liberazione dei campi di concentramento – conclude ‒: ora spetta a noi giovani raccogliere il testimone, affinché ciò che è accaduto non venga mai dimenticato e non possano riaffermarsi fascismo e nazismo in Europa"

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

 Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

di Umberto Costamagna- 10 tavoli per 100 spezzini uguale 1000 cittadini da raggiungere subito. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
L'Anpi Lerici augura un buon 2 Giugno a tutti. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa