Legambiente Lerici contro l'ampliamento del Colombo: "Ass. Tartarini unica voce fuori dal coro nell'amministrazione. Basta cemento!"

Fino a dove può arrivare la cementificazione della nostra costa? La Liguria è la regione che detiene un triste primato: una striscia di cemento che umilia e impoverisce i paesaggi costieri. Le amministrazioni locali si succedono negli anni in una litania di promesse elettorali circa la tutela del paesaggio, regolarmente smentite dai fatti.

Venerdì, 31 Ottobre 2014 09:26

Così il circolo Legambiente Lerici in un intervento che non fa sconti all'amministrazione. "L'interesse privato, - prosegue la nota - nel la miope logica di rapina del territorio, la f a da padrone. Basta guardare alla devastazione della Venere, che ha attraversato indenne gli ultimi 20 anni di giunte varie. Ora nuovi pericoli si affacciano. Per nulla fugati i timori sul futuro della baia di Santa Teresa, ora ricompare il caso dello stabilimento balneare Colombo, concessionario dell'area demaniale tra la Casa Gialla e Punta Marigola, col progetto della sua sopraelevazione, peraltro già bocciata in precedenza. L'Amministrazione, anziché dire una parola chiara vorrebbe, pilatescamente, lasciare alla Regione Liguria il compito di decidere in merito, come se tra i compiti pri mari di una Amministrazi one non vi fosse anche quello di farsi parte promotrice della tutela paesistica e ambientale del territorio che è patrimonio collettivo. Possibile che gli attuali nostri amministratori, che si occupano in modo rigoroso di ludoteche e punteruolo rosso delle palme, si disinteressino poi di una materia così importante quale è la tutela del territorio lasciando campo libero a coloro che sfruttano e cementi ficano la costa? Possibile che le sbandierate promesse del le campagne elettorali siano sempre e solo parole vuote? Come Legambiente condividiamo l'esigenza di conservare il territorio, la sua identità naturalistica e paesaggistica e sosteniamo l'appello dell'assessore Olga Tartarini , unica e coraggiosa voce fuori dal coro, di non far procedere l'intervento di ampliamento. La notizia del progetto di sopraelevazione sta suscitando preoccupazione e contrarietà nella popolazione che è pronta a scendere in piazza, in una pubblica manifestazione, per esprimere un concetto semplice e chiaro: basta con la cementificazione del territorio, basta con il deterioramento dell'ambiente, basta con l'impoverimento e la devastazione del paesaggio".

 

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(1 Voto)

Ultimi da Legambiente

Dal dossier Mare Nostrum in Liguria aumentano le infrazioni legate al mare e al cemento, ma il mare è meno inquinato. Leggi tutto
Legambiente
Dura condanna verso l'atteggiamento avuto nei loro confronti. Leggi tutto
Legambiente

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa