Punta S. Teresa, Legambiente al Comune di Lerici: "Ritirare il bando, aprire a confronto"

Sala Consiliare piena, molte le persone in piedi, all'assemblea pubblica indetta dal Circolo di Lerici di Legambiente sul futuro del sito di Punta Santa Teresa. Numerosi e appassionati gli interventi, ampi e articolati gli argomenti esposti. Com'è noto, il circolo velico Caprera ha lasciato, da inizio anno, la baia di Santa Teresa.

Venerdì, 10 Ottobre 2014 15:20
Da tempo associazioni e comitati di cittadini sollecitavano, inutilmente, il Comune di Lerici ad un confronto sulla futuro della baia. Improvvisamente è stato pubblicato un bando pubblico per l'appalto delle attività didattiche e dei servizi della scuola di vela. La relazione introduttiva del presidente del circolo di Legambiente e i numerosi interventi successivi mettevano in evidenza la mediocrità di un bando, preparato in tutta fretta, senza progettualità di ampio respiro (la durata dell'affidamento è di 3 anni), limitato nello stimolare le performance dell'intervento privato (30 giorni per presentare il progetto), con requisiti tali da escludere candidature provenienti dal terzo settore, dall'associazionismo sportivo e non, da nuove imprese e cc., fuori dalla logica e dalla capacità di intercettare finanziamenti dai fondi strutturali europei 2014-2020. L'assemblea si conclude con Legambiente che chiede espressamente e ufficialmente al Sindaco presente, nell'immediato, di ritirare il bando di gara e in prospettiva di attivarsi affinché si possano raccogliere le indicazioni di questa assemblea. Segue richiesta alla Scuola di Vela S.Teresa srl di revoca del bando

Al Sig. Sindaco di Lerici, Marco Caluri, quale rappresentante del socio di maggioranza, e al Presidente, Gianfranco Bianchi, della Srl Scuola Vela Santa Teresa. Premesso che: lo statuto comunale prevede la partecipazione attiva della cittadinanza nella gestione della cosa pubblica, la discussione nell'assemblea pubblica del 9/10/14 ha evidenziato la necessità di allargare la partecipazione ad un insieme di portatori di interesse più ampio di quanto prefigurato nel bando, i tempi per la presentazione del progetto ( 10 novembre 2014) e i tempi di durata del servizio dato in appalto (3 anni) sono troppo ristretti, le rassicurazioni fornite dall'Amministrazione nella persona del Sindaco Marco Caluri, hanno lasciato invariati dubbi e perplessità sul futuro della baia, il circolo di Lerici di Legambiente richiede formalmente il ritiro del bando appena pubblicato e l'apertura di una fase di consultazione pubblica sul tema .

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Legambiente

Dal dossier Mare Nostrum in Liguria aumentano le infrazioni legate al mare e al cemento, ma il mare è meno inquinato. Leggi tutto
Legambiente
Dura condanna verso l'atteggiamento avuto nei loro confronti. Leggi tutto
Legambiente

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa