Morachioli (Canale Lunense): "Riordino dei Consorzi è priorità, la Regione non se ne dimentichi" In evidenza

Con l'autunno il problema delle piogge abbondanti e degli eventuali allagamenti diventa per la Val di Magra e la Liguria intera un vero e proprio pensiero costante.

Mercoledì, 01 Ottobre 2014 18:11
"Quello che è accaduto il 25 ottobre del 2011 in Val di Magra o quanto accaduto mesi fa ad Albisola, nel ponente ligure, con il treno piegato su un fianco a causa di una frana, sono tragedie che non possono ripetersi  - ricorda il presidente del Consorzio di Bonifica del Canale Lunense Massimo Morachioli -. Per questo il Canale Lunense chiede che venga al più presto ripreso l'iter della legge di riordino dei Consorzi che a maggio scorso era stata approvata in giunta regionale e prevedeva l'istituzione di quattro consorzi nell'intera regione e nel nostro territorio è previsto il Consorzio di Bonifica Liguria Est con nuove e ampliate mansioni derivanti anche dall'allargamento del comprensorio del Consorzio all'intero bacino idrografico della bassa Val di Magra".

"Il settore –prosegue Morachioli - ha bisogno di una riorganizzazione e credo che la Regione non possa lasciare nel dimenticatoio una riforma così attesa, strategica in chiave di difesa del suolo e che andrebbe ad allinearsi alle scelte già fatte da altre regioni, come la Toscana. Inoltre in vista dell'imminente cambiamento delle province, con la loro possibile soppressione e le imminenti elezioni regionali in Liguria diventa oltremodo urgente non perdere troppo tempo. Il ritardo non sarebbe sopportabile dai territori".

"E' dimostrato – chiosa il Presidente - che la manutenzione ordinaria è propedeutica alla difesa del suolo e il consorzio non può operare solo su un limitata porzione della Val di Magra. Il bacino idrografico è molto più ampio e occorre gestire l'acqua in modo omogeneo su tutto il territorio per garantire una efficace opera di manutenzione e prevenzione. Non trovo giusto, inoltre, che pochi paghino per la sicurezza di molti, cioè i vantaggi della bonifica ricadono su tutto il territorio e tutti i suoi abitanti e non solo i consorziati, quelli che abitano a valle dell'asta del canale. La nuova legge, quindi, costituirebbe anche in atto di equità. Svolgiamo il lavoro di bonifica da oltre un secolo e non è un caso se nell'ultimo anno, nonostante i ripetuti allerta meteo, non ci sono stati disastri ".

L'appello del Presidente è indirizzato, in particolare, agli esponenti politici locali in Regione.
"Per tutti questi motivi chiediamo all'assessore Renzo Guccinelli, all'assessore Raffaella Paita, all'assessore Enrico Vesco, al consigliere Luigi Morgillo di riprendere il testo della legge e portarlo in fondo senza perdere tempo e per il bene di questo nostro territorio e dell'intera Liguria".

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
Canale Lunense

Tel. 0187 620145 / 0187 621556

www.canalelunense.it

Ultimi da Canale Lunense

In fase avanzata anche la riqualificazione dell'edificio esistente che attualmente ospita le pompe idrovore. Leggi tutto
Canale Lunense
Aperta al pubblico con ingresso gratuito nel rispetto delle norme anti Covid, la giornata sarà interamente dedicata all'agricoltura e ai prodotti tipici del territorio in cui opera il Consorzio del… Leggi tutto
Canale Lunense

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa