Sede Oto Melara via da Liguria, Morgillo (F. Italia): "Rischio vendita aziende e tagli personale"

Il trasferimento a Roma della sede legale delle aziende Finmeccanica della Liguria, che saranno poi trasformate in divisioni con il conseguente accorpamento nella capitale di funzioni vitali, tra le quali gestione del personale, il servizio acquisti e quello commerciale, preoccupa il vicepresidente del Consiglio regionale Luigi Morgillo. 

Venerdì, 05 Settembre 2014 12:39
«Non so se la scelta dell''amministratore delegato di Finmeccanica Moretti di trasformare le attuali aziende in divisioni ed accentrare a Roma le varie attività strategiche delle aziende sia una scelta giusta o sbagliata, perché fino ad oggi abbiamo assistito in pieno stile renziano, solo a provvedimenti di facciata e propagandistici da parte del nuovo amministratore delegato di Finmeccanica - dice Morgillo - Il taglio indiscriminato delle collaborazioni, la riduzione della cilindrata delle auto di servizio, l'azzeramento dei consigli di amministrazione, come si sa, portano piccolissimi vantaggi economici e soltanto un grande effetto mediatico».

Continua il consigliere: «La preoccupazione è che dopo questa prima fase di facciata e la sostituzione dei vecchi dirigenti con persone di sua fiducia, Moretti si appresti a fare quadrare i conti con la vendita delle aziende, con tagli al personale e con l'accorpamento dei contratti di servizio e degli appalti che andrebbero di sicuro in appannaggio ai sui amici delle Coop Rosse».

Morgillo ritiene, inoltre, giusto che il territorio solleciti risposte concrete da parte di Moretti per quanto riguarda le strategie future su Oto Melara: il consigliere trova «fuorvianti ed ingenerose» le critiche mosse all'operato dell'azienda da parte del segretario della Fiom Cgil Bellegoni.

«Intanto - dichiara Morgillo - bisogna ribadire che corruzione, ruberie, sprechi e privilegi non hanno riguardato in alcun modo Oto Melara, che dalle inchieste Finmeccanica non è stata neppure sfiorata. Bisogna poi sottolineare che i prodotti Oto Melara sono molto evoluti ed hanno un loro preciso mercato di nicchia che rendono l'azienda competitiva sul mercato. L'Oto Melara è sana e le esternalizzazioni hanno consentito di diminuire il numero di operai e di far crescere significativamente la quota di tecnici e laureati, come si addice ad una azienda europea del terzo millennio».

Continua il vicepresidente: «Se Finmeccanica va male non possono essere sicuramente addossate responsabilità ad Oto Melara che, grazie alla sapiente e lungimirante guida di tutti coloro che si sono avvicendati alla guida dell'azienda, dall'ingegner Stefanini all'ingegner Lardella, ha saputo adeguare i progetti ed i prodotti alle eccellenze mondiali ed ha favorito la crescita di un indotto di altissima qualità».

Conclude Morgillo: «Aspettiamo le prossime mosse concrete di Moretti per conoscere anche un piano industriale dell'azienda. Da spezzini e da liguri dobbiamo essere orgogliosi di avere sul nostro territorio una azienda come la OTO e dobbiamo difendere la permanenza sul nostro territorio delle funzioni vitali».

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Forza Italia

Fabio Cenerini di Forza Italia commenta le voci su un presunto ingresso nel partito dell'ex sindaco di Sarzana, fuoriuscito da Italia Viva. Leggi tutto
Forza Italia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa