Tracciabilità pagamento affitto, Bravo (SUNIA): "Ministero pretende di cancellare una legge dello Stato"

di Franco Bravo, segretario provinciale Sunia - Più che una interpretazione la nota del dipartimento del Tesoro, con la quale si afferma che per gli affitti sotto i mille euro mensili è sufficiente una ricevuta di pagamento, è una vera e propria pretesa di modificare la volontà del Parlamento. 

Martedì, 04 Marzo 2014 15:27
E' chiaro a tutti che l'intento della norma, che il SUNIA, insieme a SICET ed UNIAT, chiede da anni, è quello di contribuire al contrasto dell'evasione fiscale nel settore delle locazioni che, secondo stime prudenziali, vale 1,5 miliardi l'anno, ma di questo l'interpretazione allucinante del Ministero non fa' menzione. Vorremmo sapere dal Ministro se la lotta all'evasione si ferma davanti alla porta delle case affittate in nero ai danni ed in barba ai proprietari onesti. E' incredibile infine la solerzia del Governo nell'interpretazione anomala e inaccettabile di questa norma quando, a distanza di tre mesi dall'annuncio del confermato Ministro Lupi di un decreto legge per fronteggiare l'emergenza abitativa, ancora non si è visto nulla. Di fronte a questa incredibile vicenda c'è una sola cosa da fare: ritirare la nota e riconoscere l'errore e per gli inquilini continuare a pagare gli affitti in modo tracciabile.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
Sunia

Continua la mobilitazione sindacale per chiedere al Consiglio Regionale la modifica della proposta di Legge presentata dall’Assessore Scajola e che prevede fra l’altro:

  1. -L’Introduzione di un termine alla durata del contratto
  2. Forte aumento dell’affitto per chi supera del 50% il limite di accesso
  3. -La soppressione della tutela che prevede di non considerare per dieci anni il reddito dei figli per la decadenza
  4. -La sublocazione per chi è incolpevolmente moroso invece di riconoscergli un sostegno economico
  5. La vendita delle case sfitte nelle zone di pregio e quindi una riduzione del numero delle case popolari
  6. -L’introduzione di un limite ‘’ irragionevole’’ di 10 anni e 5 anni di residenza  per poter partecipare ai bandi per italiani e non comunitari

SUNIA SICET UNIAT CGIL CISL  UIL IL GIORNO 22 MAGGIO HANNO ILLUSTRATO ALLA 4 COMMISSIONE REGIONALE LE PROPRIE POSIZIONI E LE PROPRIE PROPOSTE

UNA LEGGE CHE VA CAMBIATA

LUNEDI’ 5 GIUGNO 2017 ORE 15,30

SALA DANTE

VIA UGO BASSI 4-LA SPEZIA

ASSEMBLEA DI TUTTI GLI INQUILINI DELLE CASE POPOLARI

Interverranno::

Avv. Antonella PORTONATO

Direttivo Provinciale SUNIA

Franco BRAVO

Segretario Generale Regionale e Provinciale del SUNIA

PARTECIPATE-PARTECIPATE

www.sunialaspezia.it/

Ultimi da Sunia

La richiesta di un impegno concreto e di confronto. Leggi tutto
Sunia
Sunia, Sicet e Uniat scrivono a Peracchini. Leggi tutto
Sunia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa