Furletti (Uil): "Il nostro porto è all'avanguardia, no all'Autorità unica con sede a Genova" In evidenza

La Uiltrasporti nell'esprimere profonda soddisfazione per l'aumento dei traffici portuali registrato nell'anno 2013 (+4,3% rispetto al 2012), auspica che questo risultato, frutto anche degli sforzi e dell'unità di intenti dell'intera comunità portuale spezzina, induca a riflessioni tutti coloro che si oppongono in modo strumentale alla realizzazione delle opere previste dal Piano Regolatore Portuale.

Martedì, 28 Gennaio 2014 09:22

È evidente che le merci scelgono porti, dove la presenza di imprenditori che investono, l'efficienza, l'intermodalitá, la produttività e le competenze dei lavoratori, sono nettamente superiori rispetto ad altri scali. Tutto questo, non può passare in secondo piano per ragioni politiche. Come è possibile che un porto internazionale come quello spezzino, inserito nelle reti trans europee TEN-T, lanciato verso i mercati europei grazie alla piattaforma di Melzo, che garantisce collegamenti via ferro con Svizzera e Germania, non sia sede di Autorità Portuale? Infatti la proposta di riforma della legge 84/94, presentata dal ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture Maurizio Lupi, prevede la creazione per il comparto dell'Alto Tirreno, di un'unica Autorità Portuale, ovviamente a Genova, con competenze in politica dei trasporti della logistica e del demanio marittimo, che coinvolgerebbe quattro/cinque Regioni. Una scelta, quella del ministro Lupi, che tende a privilegiare scali come Genova e Venezia, e che avrebbe l'effetto di diminuire la competitività del sistema portuale italiano. Uiltrasporti, auspica in un ripensamento del Ministro, e concorda con quanto dichiarato alla stampa locale nei giorni scorsi dal Senatore del Partito Democratico Massimo Caleo, in particolare con la necessità di prevedere nel nuovo testo di riforma l'autonomia finanziaria delle Autorità Portuali e lo snellimento degli iter burocratici, ovvero la riduzione consistente dei tempi che intercorrono dall'approvazione del Piano Regolatore Portuale da parte del Comitato Portuale, alla effettiva realizzazione delle opere previste. La riforma della legislazione portuale, dovrà inoltre trattare con la massima attenzione tutto ciò che attiene il fattore lavoro all'interno dei porti italiani, dove sono molteplici le tipologie di utilizzo della manodopera. Anche su questo tema, il nostro porto, è da ritenersi all'avanguardia, in materia di qualità dell'occupazione. L'Autorità Portuale della Spezia é stato il primo Ente in Italia, a dotarsi di un Regolamento in materia di servizi ed operazioni portuali. Grazie a quel Regolamento, oggi in porto, le operazioni sbarco/imbarco sono svolte da imprese strutturate, dove oltre il 95% degli occupati é a tempo indeterminato e dove nella totalità delle imprese si sviluppa la contrattazione aziendale. Uiltrasporti ritiene che questo sistema deve essere salvaguardato da future modifiche legislative, e vanno respinti i tentativi di chi, insofferente alle performance del nostro vuole imporre, per mezzo dello strumento legislativo, la propria organizzazione all'intero sistema portuale italiano.

 

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
UIL

Via Aulo Flacco Persio, 35
19121 La Spezia

Tel. 0187738956
Email: csplaspezia@uil.it

 

www.uillaspezia.it/

Ultimi da UIL

Intanto sono arrivati 516 milioni per gli ammortizzatori sociali. Leggi tutto
UIL

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa