Ex Vaccari, Ponzanelli (PDL): "La favola diventa tragedia"

Con una deliberazione della Giunta Comunale in cui si scrive di un costo aggiuntivo di oltre 300.000 euro, riguardante il miglioramento energetico dell'immobile acquisito nelle aree ex- Vaccari, aumentano di un buon 30% i costi dell'intervento tanto caro al Sindaco Mazzanti ed alla sua Giunta.

Venerdì, 15 Novembre 2013 14:25

Tra l'altro l'incarico viene assegnato ad una ditta di Piacenza, senza alcuna gara e senza alcuna possibilità di capire come questa possa avere le caratteristiche per affrontare un incarico di questo genere., se non attraverso spiegazioni molto generiche di incarichi precedentemente avuti dal Comune. Passiamo, in poco tempo, da un costo complessivo di 930.000 euro ad un importo di ben 1.239.623 euro, uno sproposito se pensiamo che tale intervento non solo non andrà a produrre nessun nuovo posto di lavoro, ma impegnerà già il bilancio del 2014 con un costo di ben 300.000 euro. Altro fattore di cui tener conto è che in questi giorni è saltato l'incarico alla ditta che doveva effettuare la bonifica, il cui iter procedurale, lo ricordiamo ai cittadini, iniziò nel lontano 2007. Oggi quindi a ben 7 anni siamo ancora punto e a capo con una bonifica da terminare all'interno di un'area dove dovrebbe sorgere un museo. Risulta ben chiaro che la priorità dovrebbe essere la bonifica, mentre l'assordante silenzio dell'Assessore Zangani, responsabile dell'Ambiente, ci lascia ben intendere che non solo si è cercato di non far trapelare la notizia del blocco della bonifica, ma non si è data alcuna informazione su questo importante fatto al Consiglio Comunale, cosa che lo stesso Zangani aveva preso come impegno. Le nostre denuncie passate si stanno rivelando puntuali e purtroppo fin troppo veritiere: maggiori costi sul Bilancio Comunale, mutui stipulati a tasso più elevato, senza alcuna gara, nonostante l'importo di ben 450.000 euro, un comodato d'uso che tra costi di messa in sicurezza e ristrutturazione porta i costi su cifre esorbitanti, la mancata creazione di posti di lavoro, costi di gestione non ancora quantificati, bonifica non terminata in un'area dove ci sarà accesso al pubblico. Questo Progetto Nova costerà cifre molto significative alla nostra comunità senza portare alcun beneficio tangibile, se pensiamo che tra i possibili fruitori potrebbe esserci l'Orchestra di Massa Carrara che non esiste più in quanto si è trasformata in una società privata denominata "Astra srl" allora penso che le spiegazioni su quello che si sta prospettando su una struttura dove sono stati investiti molti denari pubblici debbano essere immediate concrete. Quello che sta avvenendo su questa pratica mi porta a pensare che molte delle risorse che poteva essere investite per migliorare la vivibilità della nostra cittadina saranno dirottate su questo "evanescente sogno" che rischia di lasciare debiti e situazioni di precarietà ambientale al prossimo Sindaco ed alle casse comunali. A quando la creazione di una "Fondazione Vaccari" con un bel CdA con poltrone per politici locali senza più incarichi?

 

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Popolo della Libertà

Giacomo PESERICO consigliere comunale del PdL – Nuovo Centrodestra con una nota interviene per chiedere il sostegno del comune al progetto di recupero del sottomarino Guglielmo Marconi: Leggi tutto
Popolo della Libertà
Un incontro per discutere ed affrontare i temi legati alla realizzazione del nuovo ospedale della Spezia. Leggi tutto
Popolo della Libertà

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa