Fiore (Pd) “Uffici Postali nelle frazioni sono servizi imprescindibili. Preoccupa il piano di razionalizzazione di Poste Italiane.”

Leggo con preoccupazione le notizie riportate dai quotidiani locali e relative al piano di razionalizzazione di Poste Italiane che porterebbe alla chiusura di alcuni uffici postali nel nostro Comune.

Mercoledì, 11 Luglio 2012 20:12

  Dalle indiscrezioni emergerebbe, infatti, che gli Uffici della Serra e di Tellaro sarebbero a forte rischio ed alcuni degli altri (Pugliola, San Terenzo, Lerici) potrebbero restare aperti ma soltanto a giorni alterni.  Inutile dire che, ove le indiscrezioni fossero confermate, si tratterebbe di un'autentica mannaia per un Comune come il nostro, composto prevalentemente da persone anziane che necessitano di servizi il più possibile vicini alle proprie residenze e, in genere, alle proprie personali esigenze.

L'Amministrazione Lericina non ha mai fatto mistero di puntare con decisione, attraverso politiche che mirino alla residenzialità stabile ed al rilancio del tessuto economico dei nostri borghi, ad invertire il trend di spopolamento che interessa il nostro territorio da molti anni.

In questo quadro mi preme evidenziare che decisioni come quella che si accinge ad assumere Poste Italiane rischiano di vanificare tutti gli sforzi che si stanno compiendo.

È noto, infatti, come l'appeal delle frazioni di un territorio come il nostro dipenda anche dalla rete di servizi che si riescono a garantire nelle stesse: un taglio lineare degli Uffici, che risponde a ragioni esclusivamente economiche ed organiche, senza alcuna selezione che guardi, in primis, a quelli più efficienti e che riscontrano l'apprezzamento degli utenti, rischia di alimentare le tendenze migratorie in atto.

Per queste ragioni mi attiverò insieme al Gruppo consiliare presso il Sindaco e la Giunta Comunale affinché convochino al più presto un tavolo con Poste Italiane al fine di comprendere nel dettaglio la reale portata del "piano di razionalizzazione" ed al contempo cercherò di condividere con gli altri Capigruppo, nel corso della prossima Commissione, una mozione unitaria da presentare in Consiglio Comunale che, oltre a chiedere il mantenimento degli Uffici Postali attualmente esistenti, impegni l'Amministrazione ad avviare un dialogo con Poste Italiane per incidere, con le proprie proposte, sul "piano di razionalizzazione".

Un piano di questa portata non può essere realizzato senza la necessaria interlocuzione con i rappresentanti della Comunità Lericina: si tratterebbe di una forzatura inaccettabile.

 

Michele Fiore (PD) Capogruppo Lista Golfo dei Poeti - Lerici

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

"Siamo di fronte ad una fase cruciale per le sorti del paese e per il futuro del campo del centro-sinistra". Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
Lo ha deciso il Comune della Spezia nell’ultima riunione di giunta. Nel ’44 don Scarpato fu catturato dai nazifascisti: imprigionato e picchiato, non disse una parola. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa