Alternativa Tricolore: "Invasione venditori abusivi a Marinella e Fiumaretta"

Con il sole e l'estate le spiagge nel levante ligure si sono riempite di bagnanti, turisti e residenti che per godersi un pò di fresco si spingono sulle spiagge lungo la costa.

Mercoledì, 11 Luglio 2012 10:19

Ci sono pervenute però al nostro servizio mail di ascolto al cittadino Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. moltissime lamentele di persone che anziché trovare relax sulle spiagge sono martoriate ogni 30 secondi da un venditore abusivo che vuole vendergli qualcosa. I bagnanti parlano addirittura di invasione, per cui abbiamo deciso di trascorrere delle giornate al mare proprio nella zona segnalataci che va da Bocca di Magra a Fiumaretta (comune di Ameglia) e Marinella (comune di Sarzana), fino a Marina di Carrara.

In tal modo abbiamo potuto constatare che ogni sorta di venditore abusivo, con ogni sorta di merce, passa in continuazione e a distanza di trenta secondi l'uno dall'altro tra i lettini e postazioni libere dei bagnanti. Borse, scarpe, costumi, asciugamani, massaggi, tatuaggi all'henné, libri, gonfiabili di ogni tipo per mare (già gonfi e pronti all'uso), occhiali firmati, abbigliamento grandi marche, cianfrusaglie varie, bigiotteria spacciata per argento, orologi firmati ceste di paglia, insomma tutta merce anche molto voluminosa e visibile, così tanta che si fa fatica persino a ricordare.

Ogni trenta secondi per cui venivamo interrotti in un discorso, se ad esempio si stava parlando, perché a costoro non interessa rispettare la tua conversazione, loro devono vendere.

Noi capiamo che questi venditori vogliono guadagnare, come tutti del resto, ma crediamo che essendo in uno stato dove vi siano delle leggi, anche loro per lavorare debbano rispettarle, me se nessuno di chi ha questo potere interviene per farle rispettare, non pensate che un onesto lavoratore italiano che paga le tasse, e le spiagge di queste persone sono piene, si senta preso un attimo per i fondelli? Come si può dargli torto?

Avevamo già affrontato questo problema raccogliendo le lamentele dei commercianti di San Terenzo – Lerici e scrivendo al nuovo sindaco Marco Caluri e alla sua giunta, ma non abbiamo avuto risposta. Eppure la passeggiata che va sa San Terenzo a Lerici è tempestata di venditori abusivi che stendono lenzuoli in terra (occupando suolo pubblico abusivamente) e vendono senza emettere nessuno scontrino e senza nessun permesso.

Ci auguriamo che a differenza del Sindaco di Lerici, i vari sindaci di Ameglia Umberto Galazzo e di Sarzana Massimo Caleo siano più sensibili non soltanto ad un'insoddisfazione di residenti e turisti , ma anche ad un problema così grosso come l'evasione fiscale e l'abuso di suolo pubblico e di vendita illecita.

Parliamo di suolo pubblico poiché alcuni di essi hanno costruito dei mini-negozi da tanta roba che hanno, i quali stazionano tra una baia e l'altra attrezzati di ombrelloni per ripararsi dalle lunghe ore sotto il sole.

Alla luce di questi plurimi motivi chiediamo l'intervento immediato non soltanto ai rispettivi Sindaci delle zone interessate da questo fenomeno, ma anche alle autorità competenti, ovvero Guardia di Finanza e Vigili Urbani.

Attendiamo fiduciosi una risposta nonché un intervento immediato in nome della legge che dovrebbe essere uguale per tutti (così nei tribunali c'è scritto) e fatta rispettare da chi ne ha l'autorità.

Laura Costa

Coordinatrice Regione Liguria

Alternativa Tricolore

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Questa mattina il sopralluogo del sindaco di Sarzana e dell’assessore regionale Giacomo Giampedrone. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa