TPL, l'opposizione di Follo al sindaco Mazzi: "Sta dalla parte dei suoi cittadini o di Peracchini?" In evidenza

I Consiglieri di minoranza criticano la più recente nomina nel Consiglio di amministrazione della nuova società di gestione di ATC e chiedono a Rita Mazzi di prendere posizione.

Giovedì, 26 Agosto 2021 14:47
La discussione in merito alla formazione del consiglio di amministrazione della costituita società di gestione della nuova ATC sta purtroppo prendendo la piega da noi, gruppo consigliare “Cittadini in Comune”, annunciata in tempi non sospetti durante la discussione in consiglio comunale.
Caro sindaco Mazzi ci duole dire l’avevamo detto!

Vi avevamo chiesto di prendere posizione in ottemperanza a quello che dovrebbe essere il rispetto dellìinteresse di una comunità e vediamo invece tale interesse sacrificato all'altare di equilibri di partito tutto in orbita centro destra.

Ricapitolando: alla discussione di merito sulla costituita società, dopo averne denunciato quel ritardo che ci avrebbe consentito risparmi, migliori recuperi iva per qualche centinaio di migliaia di euro, abbiamo puntato il dito sulla costituzione del consiglio di amministrazione.

In riferimento a quanto disposto dal legislatore in materia di membri amministratori, i decreti Madia consentivano l’elastico da 3 a 5 per comprovate necessità di merito.
Forse, tirandola, la quota 5 può rappresentare tale necessità (restiamo convinti del contrario) per l’estensione e la diversificazione dell'attività, ma resta il vincolo dettato dal codice civile della comprovata competenza della materia.
Avevamo ampiamente denunciato il rischio che tale allargamento fosse più soggetto a riconoscimento politico che non per marcate conoscenze e la nomina della consigliera Barucchi ci induce a pensare che avevamo visto giusto.
La corresponsione tra ruolo e titoli di merito, conoscenza e professionalità è disattesa proprio dal bagaglio formativo della nuova nominata.
Chiaro è che se non emergono attestati di comprovata conoscenza della materia quello di “pittrice“ appare un requisito insufficiente per giustificare una nomina in un consiglio di amministrazione di una partecipata proprio in funzione dei due dettami sopra citati.

Ora lei, sindaco Mazzi, è a un bivio e speriamo vorrà prendere la strada giusta.
O sposa la linea Peracchini e quindi sacrifica gli interessi dei suoi cittadini per tener compatta intorno al sindaco del capoluogo la componente politica che lo sostiene, o ne prende pubbliche distanze nel rispetto degli interessi del mandato conferitole.
Tra un anno sappiamo si voterà nel capoluogo e non ci sembra giusto che a pagare il prezzo economico di alleanze siano anche i cittadini di comuni non coinvolti nella bagarre.


I Consiglieri comunali di opposizione del Comune di Follo:
Francesco Spinetti
Luca Vaccaro
Emiliano Quaretti
Sandro Bertoni

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Appuntamenti con la scena pensati per i più piccini per riscoprire la magia del teatro per tutta la famiglia Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
In Liguria 2.221 nuovi positivi a fronte di 12.867 tamponi tra molecolari e antigenici rapidi Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa