Oss, Pecunia e Nobili: "Si strutturi al più presto il percorso necessario per costituire l'azienda in house"

Pecunia e Nobili commentano la sentenza della Corte Costituzionale: "Confidiamo che riparta immediatamente secondo le forme previste il ragionamento sulla applicazione della legge regionale"

Mercoledì, 23 Giugno 2021 14:20

 

La Corte Costituzionale si è espressa e con una sentenza rigetta il ricorso del Consiglio dei Ministri che aveva bocciato la Legge Regionale per la costituzione di una Azienda in house per internalizzare i 158 lavoratori di Coopservice. Quella proposta venne dai consiglieri Michelucci e Battistini e come Italia Viva abbiamo sempre sostenuto fosse la strada più giusta per risolvere l'anomalia presente, solo nella nostra Asl5, del servizio esternalizzato in appalto da anni.

 Oggi vorremmo e dovremmo festeggiare per aver creduto fermamente a quella soluzione, dopo che la Corte Costituzionale ha ritenuto inammissibili le questioni di legittimità costituzionale della legge regionale 2019 avanzate dal Consiglio dei Ministri. Invece non festeggeremo e vorremmo anche spiegare il perché. Spesso nel cammino della proposta di legge regionale non tutti erano d'accordo, non tutti lo hanno ritenuto un percorso credibile e realizzabile.

Abbiamo appoggiato i lavoratori da subito, pensando dapprima che fosse corretto dare loro stabilità e in seguito, con la pandemia in corso, addirittura doveroso. Oggi che scopriamo che quella legge non ha profili di incostituzionalità, dobbiamo anche prendere atto che negli ultimi mesi la politica regionale, tutta, ha fatto scelte profondamente sbagliate e miopi. La battaglia che andava sostenuta in Regione era quella di non indire alcun concorso fino a quando la Corte non si fosse espressa. Invece si è addirittura accelerato, fino all'uscita del bando.

L'interessamento della sottosegretaria Zampa da parte di Italia Viva ha consentito che almeno venisse tenuto conto degli anni di anzianità di servizio in un ente pubblico e si potesse evitare almeno la preselezione. Bene oggi cambia tutto. Toti non è stato incoerente! Tutt'altro. Semplicemente non ha mai dimostrato di voler davvero stabilizzare i lavoratori, perché se così fosse non avrebbe permesso l'indizione del bando di concorso senza attendere un giudizio così importante, che pendeva su una proposta alternativa per il loro futuro lavorativo.

Alcuni mesi fa dunque avevamo capito bene e le critiche che ci sono state mosse, anche da una parte dell'opposizione in Regione, erano improprie e ingiuste quando contestammo loro di aver votato e firmato un ordine del giorno che di fatto sanciva la richiesta di accelerare il concorso.

L'unica battaglia da fare era invece quella di cercare strade legittime, costituzionali ma alternative al concorso. Oggi Toti dovrebbe prendere atto davanti ai lavoratori di non averci mai creduto. Per questo confidiamo che riparta immediatamente secondo le forme previste il ragionamento sulla applicazione della legge regionale e si strutturi al più presto il percorso necessario per costituire l'azienda in house.

Federica Pecunia, Dina Nobili

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
...

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

La cause e le dinamiche sono ancora in fase di accertamento. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
Il presidente del Consiglio regionale Gianmarco Medusei: "Ora la Pubblica Assistenza avrà 36 mesi di tempo per adeguarsi alla legge regionale". Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa