PA e servizi funebri, Baldino: "Gli impegni sono inutili se in Regione chi deve agire non lo fa"

Il commento di Massimo Baldino e Francesco Pietrostefani 

Lunedì, 31 Maggio 2021 16:22

"Durante le Elezioni Regionali, tutte le forze politiche manifestarono solidarietà verso la Pubblica Assistenza della Spezia, oggetto di una Legge Regionale avallata da Toti che escludeva di fatto questo ente, dopo numerosi anni, dai soggetti fornitori dei servizi di pompe funebri.


E’ bene ricordare, -afferma il consigliere comunale Baldino Caratozzolo-, che quei servizi, rappresentano una pubblica utilità per una parte importante della popolazione spezzina. Spesso quella più debole, che non ha, peraltro in un momento molto doloroso quale quello della perdita di un congiunto, i mezzi finanziari per rivolgersi altrove. Inoltre sottrarre alla P.A. la possibilità di esercitare in questo particolarissimo settore azzera anche l’effetto di calmierare il mercato con conseguenze facilmente immaginabili.


Tutti i candidati spezzini al Consiglio Regionale dedicarono allora una parte della loro campagna elettorale per visitare la sede della PA, ed impegnarsi formalmente, una volta ripresa la Legislatura, a richiedere una veloce correzione della Legge, mentre da Genova da più parti si tese a minimizzare il problema sostenendo persino che la situazione in cui si è venuta a trovare la nostra Pubblica Assistenza era dovuta a un “mero errore formale” contenuto in un passaggio della legge stessa.


Ebbene -prosegue Baldino-, un “mero errore formale” si risolve con una “mero emendamento”. Una cosa che Toti e C. potevano e potrebbero fare in pochi minuti.
Al momento però tale correzione pare ancora lontana dal realizzarsi tanto che anche Venerdi scorso il Consiglio Comunale tramite la Commissione di cui faccio parte si è dovuto occupare della vicenda prendendosi ancora una volta impegni precisi.


Impegni però inutili se in regione chi deve agire nicchia o fa l’indiano.


La mancanza delle entrate, ricavate dai servizi di onoranze funebri, non solo pregiudica il mantenimento di tutti i servizi assistenziali che la Pubblica Assistenza ha garantito fino ad oggi, sopratutto alle fasce della popolazione più bisognosa ed in difficoltà ma mette a rischio anche oltre 30 posti di lavoro.
Altro risvolto inaccettabile in un momento quale quello attuale.


Ho sottoscritto in questo senso una mozione unitaria con tutte le forze di opposizione – termina Baldino Caratozzolo- che mi auguro venga approvata senza obiezioni o tentennamenti anche da parte delle forze che sostengono Peracchini, nella quale si chiede tra l’altro che l’attuale amministrazione della Spezia si faccia portavoce nelle sedi competenti, ovvero in Regione, affinché la legge regionale n.15 del 20 Luglio 2020 che ha determinato questa assurda situazione venga immediatamente modificata".

Massimo Baldino Caratozzolo (Consigliere Comunale)
Francesco Pietrostefani (Coordinatore della Spezia di Forza Italia)

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
...

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa