Celiachia, Bruzzone (Lega Nord): "Disparità uomini-donne, Liguria imiti la Puglia"

"Una disparità incomprensibile". Così Francesco Bruzzone, capogruppo Lega Nord in Consiglio Regionale, commenta la situazione dei contributi per i malati di celiachia, diversi tra donne e uomini.

Martedì, 18 Giugno 2013 16:28
Nella seduta di Consiglio Regionale tenutasi questa mattina, Bruzzone ha presentato un'interrogazione – sottoscritta anche dai Consiglieri Regionali della Lega Nord Edoardo Rixi e Maurizio Torterolo – sulla assistenza sanitaria integrativa di cui usufruiscono i soggetti celiaci chiedendo al Presidente della Regione Liguria Claudio Burlando e alla sua Giunta di "uniformare a quella già percepita dai maschi adulti la quota mensile a sostegno del fabbisogno alimentare delle donne, di età superiore a 10 anni". Queste ultime, infatti ricevono contributi inferiori a quelli degli uomini: "Una sperequazione in base al sesso che non ha alcuna ragione di essere", ha affermato Bruzzone.

L'Assessore Regionale alla Salute Claudio Montaldo affermando che la disuguaglianza è frutto della normativa nazionale, secondo la quale il fabbisogno alimentare delle donne è inferiore a quello degli uomini. Un intervento in proposito richiederebbe quindi una modifica della legge statale vigente.

Francesco Bruzzone si è dichiarato insoddisfatto: "Ringrazio l'Assessore per la risposta chiara e sincera, ma credo tuttavia che si tratti di una norma assurda, alla quale la nostra Regione può e deve opporsi, seguendo l'esempio di quanto avvenuto altrove. Del resto un'altra Regione, la Puglia, ha legiferato in materia senza problemi riconoscendo che le donne possono mangiare quanto gli uomini. Chiediamo che la Liguria faccia altrettanto", ha affermato il capogruppo Lega Nord in Regione Liguria.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Lega

Da oggi a domenica “Innamorati della libertà” Leggi tutto
Lega
"Perché venga riconosciuta la tracciabilità della filiera, condizione indispensabile per la difesa del made in Italy e della dieta mediterranea" Leggi tutto
Lega

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa