Stampa questa pagina

Articolo Uno cita Manzoni: "Il Biodigestore non s'ha da fare"

Il coordinamento provinciale di Articolo Uno contro la costruzione del Biodigestore.

Sabato, 08 Maggio 2021 09:30

Questa la nota del coordinamento provinciale di Articolo Uno contro il Biodigestore:

"Come hanno già scritto i comitati ambientalisti: "Toti dimostra ancora una volta l'amore che ha per Spezia, Sigh ! " tentando di conferire nell'impianto di Saliceti anche i rifiuti di EcoEridania, di Arenzano ( GE) rifiuti sanitari infetti sterilizzati. La richiesta era di smaltirli nella discarica di Scarpino (GE) ma Toti, sempre generoso con gli spezzini, ha detto no e ha aggiunto : "C'è un impianto per rifiuti a Saliceti. Li portino là".

Per fortuna il TAR gli ha dato torto ricordando che la legge del 2006 stabilisce che i rifiuti sanitari sterilizzati possono essere temporaneamente smaltiti in discariche per rifiuti non pericolosi, oppure ove si fa CDR, se abilitati a trattare questo tipo di rifiuti. Toti non ha tenuto conto,o ha provato a non farlo, che anche l'ufficio Ambiente della Regione aveva già detto che Saliceti non è abilitato a trattare quei rifiuti. Il Tar ha ribadito, non ci sono impianti abilitati quindi I rifiuti EcoEridania possono andare in discarica a Scarpino.

Quale è il problema che ancora una volta emerge? A nostro parere Toti considera Spezia la discarica ligure e in questo viene aiutato dai suoi scudieri spezzini. Vedi l'ultima grave mossa di Peracchini, che ha creato divisione anche con il suo vice e nella destra. Il presidente ha impedito al consiglio provinciale di discutere un ordine del giorno, sostenuto anche da alcuni della maggioranza, contro la firma di Toti per l'avvio del Biodigestore che, per dimensioni previste, il doppio rispetto a quanto dichiarato, potrà servire quasi tutta la Liguria.

Peracchini, al pari di Toti, oltre al grave disprezzo delle istituzioni, a cui impedisce di discutere, mostra scarso rispetto per i pareri degli altri comuni, per le proteste dei cittadini e delle associazioni ambientaliste, mettendo in grave rischio le falde che danno acqua potabile fino a circa 200.000 persone. Mentre Vezzano, S.Stefano, Arcola, Lerici e altri comuni si pronunciano contro e continuano la loro battaglia a difesa della salute in tutte le sedi , il silente sindaco di Spezia /presidente della Provincia, non ha mai difeso il Piano d'area provinciale votato dalla sua maggioranza nel 2018. A pensar male a volte ci si azzecca e per questo ripetiamo la domanda che altri hanno già posto al presidente Toti.

Visto che si preoccupa tanto del fatto che la potenzialità di Saliceti non è ancora saturata, e per questo tenta di mandare anche i rifiuti dell'EcoEridania, lui ha più a cuore i conti di Iren, nel cui consiglio di amministrazione siede( forse a sua insaputa?) il tesoriere della sua fondazione, oppure ha a cuore ( come dovrebbe ) la salute e l'acqua pulita per tutti gli spezzini? Agli spezzini l'ardua sentenza che dovrebbe valere perfino per chi ha votato lui in regione e il sindaco silente a Spezia. E sia chiaro il Biodigestore non s'ha da fare!!"

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
...

Ultimi da Articolo Uno MDP

La nota del coordinamento provinciale di Articolo Uno. Leggi tutto
Articolo Uno MDP

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa