Discarica di Mangina, i Sindaci della Val di Vara: "Avevamo ragione noi" In evidenza

I sindaci dei comuni dell'alta Val di Vara soci di Acam - Brugnato, Carrodano, Maissana, Varese Ligure, Zignago - si sono presentati con una posizione unitaria all'assemblea di Acam.

Venerdì, 14 Giugno 2013 16:40

A nome di tutti, il sindaco di Maissana Egidio Banti ha presentato un documento in cui viene ribadita la netta contrarietà, allo stato degli atti, rispetto all'ipotesi, che il piano industriale di Acam dà per scontata, di realizzare a Mangina una discarica di servizio (e non solo di servizio). Il documento sottolinea le incongruenze giuridiche che, ad oggi, non rendono possibile accettare un piano che peveda l'utilizzo del sito di Mangina e richiama inoltre la contrarietà delle popolazioni interessate.

 

In seguito a ciò, i rappresentanti dei cinque comuni non hanno preso parte alla votazione sul piano Acam, allo scopo di non indebolire la posizione dell'azienda e dei lavoratori sugli altri punti del piano ma di ribadire nello stesso tempo che Mangina resta oggetto di dibattito e, allo stato degli atti, di forte opposizione.

Il sindaco Banti, portavoce dei sindaci in questa occasione, ha dichiarato: "Consideriamo positivo quanto avvenuto in assemblea. Pur senza accettare modifiche formali al piano, infatti, il presidente Garavini ha di fatto riconosciuto che i rilievi giuridici da noi presentati hanno fondamento e che le pagine del piano Acam relative a Mangina contengono errori significativi. In particolare, è vero che, ad oggi, non c'è alcuna formale autorizzazione del sito di Mangina quale luogo per ospitare la discarica; è vero che nessun documento è stato ancora presentato in regione; è vero che la procedura di VIA dovrà essere effettuata, anche nella forma dell'inchiesta pubblica, sul progetto definitivo e che questo progetto non è stato ancora redatto; ed è vero infine che non è tecnicamente possibile, come invece scritto nel piano, effettuare la gara di appalto entro il prossimo mese di novembre. In sintesi, dall'assemblea è emerso che: 1. Non è certo che la discarica si possa fare a Mangina; 2. E' certo che non è stata ancàora autorizzata formalmente da nessuno; 3. E' certo che non potrà essere realizzata nei tempi previsti da Acam. Tutto questo dà ai sindaci nuova forza per proseguire nell'impegno di tutela dell'ambiente in Val di Vara, anche tenendo conto dell'annuncio della Regione secondo il quale dal 2014 non ci sarà più un piano provinciale dei rifiuti ma un solo piano regionale".

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
...

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Complessivamente sono state controllate 183 persone, 11 esercizi commerciali e 23 veicoli, riscontrando un maggiore afflusso di persone ma anche un consolidato uso della mascherina Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
"Ci siamo oggi, 8 marzo, e ci siamo sempre. Facciamo fronte insieme contro la violenza di genere" Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa