Centrale Enel, Giampedrone: "Anni di prese in giro da parte dei sostenitori locali del Governo"

La Regione annuncia ricorso appena la decisione sarà ufficiale.

Venerdì, 22 Gennaio 2021 15:25
L'Assessore regionale Giacomo Giampedrone L'Assessore regionale Giacomo Giampedrone Foto da FB Giacomo Giampedrone

“Finalmente il sipario è strappato. Oggi, con il diniego sulla chiusura della centrale a carbone della Spezia, il ministero dello Sviluppo economico certifica che negli ultimi anni tutti gli esponenti spezzini del Pd, del Movimento Cinque Stelle e di tutte le forze che sostengono l’attuale Governo nazionale, non abbiano fatto altro che prendere in giro i cittadini su un tema così delicato e importante”.
Così l’assessore all’Ambiente Giacomo Giampedrone sulle notizie che trapelano dal Mise sul parere di contrarietà alla chiusura dell’impianto spezzino a carbone al 31 dicembre 2021, in difformità con quanto invece previsto nell’Autorizzazione integrata ambientale (AIA) del ministero dell’Ambiente approvata nel dicembre 2019.

“Per mesi – aggiunge Giampedrone – Regione Liguria e gli enti di governo territoriali sono stati accusati di opporsi alla chiusura tout-court della centrale, preferendo la conversione al turbogas, mentre il centrosinistra e i Cinque stelle continuavano a raccontare bugie, sostenendo che l’impegno del Governo a chiudere fosse reale e non perdendo la minima occasione per ergersi a paladini dell’ambiente con i cittadini del territorio. Da parte nostra non abbiamo sempre fatto altro che ribadire, a tutti, come stessero le cose: cioè che il Piano energetico del Paese è una misura che spetta esclusivamente al Governo nazionale e che a più riprese lo stesso Mise aveva già lasciato intendere in maniera esplicita che il sito produttivo della Spezia fosse individuato fra quelli da tenere in attività. Oggi i nodi vengono al pettine, e appare chiaro come in realtà non ci fosse mai stata da parte del ministero di via Molise alcuna intenzione di chiudere il sito spezzino, come le indiscrezioni di questi giorni ci confermano. Posso solo immaginare l’imbarazzo e la vergogna da parte di tutti gli esponenti che sostengono il Governo nazionale di fronte a quanto trapela oggi”.

“In pratica – prosegue Giampedrone –, come il Mise stesso aveva sempre sostenuto in sede ufficiale, si lascia intendere che La Spezia sia considerata strategica per il fabbisogno energetico nazionale a prescindere dalla fonte di alimentazione che verrà utilizzata, e che quindi di fatto continuerà a produrre energia, o con il carbone o in altro modo. In realtà -conclude – la presa in giro è addirittura doppia perché, mentre La Spezia continuerà a produrre a carbone anche dopo il 31 dicembre di quest’anno, l’altra centrale a carbone per cui era stata chiesta la chiusura, quella di Fusina, invece terminerà l’attività. Annunciamo fin da ora che non appena il provvedimento di diniego sarà reso ufficiale nelle sedi competenti per il necessario riesame dell’Aia già richiesto dal Mise, Regione Liguria si opporrà totalmente alla decisione di non far valere come data di chiusura il 31 dicembre 2021”.

 

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
Regione Liguria

Piazza De Ferrari, 1
16121 Genova
tel. +39 010 54851

 

www.regione.liguria.it

Ultimi da Regione Liguria

L'assessore regionale allo sviluppo economico Benveduti: "Convocheremo a breve i tavoli operativi". Leggi tutto
Regione Liguria
Il punto stampa sulla situazione Covid-19 in Liguria: "La provincia di Imperia resta quella che risente di più della circolazione del virus, a livello regionale è stabile il numero degli… Leggi tutto
Regione Liguria

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa