La maggioranza sul Barontini: "Quando la politica non ha argomenti restano le bugie" In evidenza

I capigruppo di maggioranza del comune sarzanese rispondono all'opposizione sul "caso" Barontini.

Domenica, 29 Novembre 2020 22:02

"I cambiamenti fanno sempre paura. Soprattutto a quelle persone che fanno politica esclusivamente strumentalizzando fatti e argomenti, in modo scorretto e mendace, dimostrando di essere poco disponibili ad un qualsiasi dialogo costruttivo", così i capigruppo di maggioranza del Comune di Sarzana Luca Ponzanelli, Lucia Innocenti, Andrea Pizzuto e Riccardo Precetti sul centro Barontini.

"Questo è quello che sta succedendo a Sarzana con il Centro Barontini. Le decisioni dell'attuale amministrazione per l'affidamento tramite bando pubblico del centro sociale in questione fanno sicuramente scalpore, considerato che l'iter è sconosciuto all'opposizione che, quando era maggioranza, preferiva procedure disinvolte e, talvolta, spregiudicate".

"Lo schema seguito dall'amministrazione è in linea con l'intento di perseguire la più totale trasparenza e regolarità, finalmente, senza affidamenti diretti e gratuiti. L'affinità della politica della sinistra non è tanto con gli anziani, ma col vecchio: inteso come quel vecchio sistema fuori dalle norme di legge, senza gare, senza competizioni e disinteressato agli scopi civici".

"Anche a Falcinello l'urlo delle opposizioni, false e ipocrite, era quello di una giunta che con un bando pubblico e trasparente voleva scientemente cancellare un presidio fondamentale per il nostro borgo: salvo poi esultare per l'esito, applaudendo ai vincitori, proprio e per primi da parte di chi puntava il dito".

"Tra aprire gli spazi pubblici alle energie della città con procedure aperte e trasparenti e non farlo, sceglieremo sempre l'apertura. Tra rispettare la legge e non farlo, sceglieremo sempre di rispettarla. Anche sul Barontini la scelta è stata la gara, come prevede la legge, imponendo nel capitolato di gara la garanzia da parte di chiunque vincesse dell'uso dei locali per le lezioni per l'Università dell'età libera e di tutte le altre attività storiche del centro sociale per gli anziani, lasciando la libertà di arricchire il programma con nuove iniziative".

"Nessuno caccia gli anziani dal Barontini, che anzi restano essenziali con le loro attività nel centro sociale come lo sono nel tessuto economico e sociale della città. Tutto il resto sono bugie e squallide interpretazioni, da parte di chi non ha remore a soffiare sulle paure della gente e degli anziani mentendo sapendo di mentire".

"Auguriamo agli aggiudicatari di avviare presto tutte le attività che hanno descritto nel loro programma, all'insegna dell'impegno sociale e dell'incontro generazionale tra ragazzi e nonni. Ne guadagnerà tutta la città, con buona pace di chi per far politica non ha più argomenti oltre alle bugie e alle strumentalizzazioni".

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

"Si può essere democratici, liberali ed europeisti anche senza sostenere questo Governo” Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Coronavirus, in Liguria 228 nuovi casi

Domenica, 17 Gennaio 2021 17:48 cronaca
Altri due decessi al San Bartolomeo. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa