Stampa questa pagina

"Che fine hanno fatto i piani regionali per smaltire le liste di attesa per i pazienti non Covid?"

Le consigliere comunali di Italia Viva Federica Pecunia e Dina Nobili: "Molte persona stanno rischiando la salute per le difficoltà ancora oggi a ricevere le prestazioni".

Mercoledì, 04 Novembre 2020 15:07

"Parte dal 5 Novembre in tutta la città l'affissione manifesti di Italia Viva per sensibilizzare l'apertura degli ambulatori al 100%", così le consigliere comunali di Italia Viva Federica Pecunia e Dina Nobili.

"Italia Viva vuole vederci chiaro: che fine hanno fatto i piani regionali per smaltire le liste di attesa per i pazienti non Covid? Sono stati stanziati quasi 500 milioni di euro per recuperare le prestazioni non erogate, per abbattere le liste di attesa. Per accedere però a tali risorse le Regioni e le PA dovevano provvedere a presentare al Ministero della salute e al Mef un piano Regionale".

"La scadenza era a metà Settembre ma la Regione Liguria di Toti lo ha fatto? Intanto quello che sta accadendo è questo: una riduzione del 36% di prestazioni specialistiche ambulatoriali,screening oncologici sensibilmente in meno , solo i mammografici sono ancora sotto di 18000 mila ; sale operatorie ridotte del 40%; quindi le difficoltà di accesso attuali si andranno a sommare con le prestazioni sospese in primavera e non ancora recuperate".

"Purtroppo il Coronavirus non ha cancellato le altre malattie. Molte persone stanno rischiando la salute per le difficoltà ancora oggi a ricevere le prestazioni".

"La prevenzione è diventata un sogno dai 6 ai 9 mesi di attesa ma in questo modo cosa prevengo? Per non parlare dei problemi di natura cardiologica di controllo: mesi e mesi di attesa; cittadini che aspettano di operarsi da Aprile e non ancora chiamati".

"I cittadini si sentono soli di fronte alla malattia. Non è questo lo stato sociale di un paese Civile. Noi di Italia Viva rimproveriamo a chi competente ossia la Regione Liguria di Toti a fare al più presto scelte organizzative e a dare delle risposte; inoltre Peracchini è responsabile della Sanità in quanto Sindaco e deve convocare subito la conferenza dei Sindaci e presentarsi in Consiglio Comunale con i dati alla mano".

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
...

Ultimi da Italia Viva

L'intervento di Antonella Franciosi, Federica Pecunia, Dina Nobili Leggi tutto
Italia Viva
La nota della consigliera di Italia Viva Dina Nobili. Leggi tutto
Italia Viva

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa