Coronavirus, Articolo Uno: "Certe decisioni, prese o non prese, hanno favorito la diffusione dei contagi"

Il partito chiede le dimissioni del sindaco della Spezia e dei dirigenti della ASL.

Giovedì, 17 Settembre 2020 17:18
Tamponi Tamponi

Numeri Covid sempre più preoccupanti alla Spezia, Ma se lo dici sembra che vuoi seminare paura. Con una impennata di casi accertati di Covid19 nelle ultime settimane (80-51-71 fino a 91) la provincia della Spezia ha raggiunto il triste primato di provincia in Liguria con maggior numero di contagi per abitanti (0,8%), ha superato le percentuali di tutte le province del Veneto e di molte province della Lombardia. Insomma numeri pericolosi per una provincia che, anche nei momenti peggiori dell’epidemia dei mesi scorsi, viaggiava con numero di casi di un’ordine di grandezza inferiore.

 

Il buon senso, e soprattutto l’analisi dell’andamento dei dati dei contagi, suggeriscono che vi siano stati elementi (anzi sicuramente più elementi) scatenanti, che hanno causato la propagazione improvvisa dell’epidemia e la moltiplicazione dei casi. Non vi può essere altra spiegazione. Tra essi è innegabile che ci sta anche il fatto di non aver evitato da parte del sindaco della Spezia (nel suo ruolo ed in qualità di primo responsabile della sanità cittadina) gli assembramenti sia nelle movide serali in tutta la città e non solo in piazza Brin, ma anche per i recenti festeggiamenti per la promozione nella serie A della nostra squadra. Ribadiamo che siamo tutti lieti per lo Spezia in serie A, ma ci chiediamo:. era proprio inevitabile quanto è avvenuto?

Crediamo che in un contesto in cui comunque permaneva l’indicazione del Ministero della Sanità di mantenere le precauzioni ed evitare gli assembramenti, minimizzare il Virus come hanno fatto Toti e Bassetti, virologo di fiducia del capo, dare la deroga alle distanza sui trasporti, treni e bus, dire di riaprire tutto, comprese le discoteche dei loro amici, con il Sindaco silente, non fosse proprio un bel segnale educativo. Anzi si aggravava il fatto di non non aver predisposto misure di controllo, luoghi dedicati a festeggiare come hanno fatto altre città che erano in promozione e perfino la Juventus .

I provvedimenti presi, poi, di contingentare il quartiere Umbertino, ci sembrano più un diversivo per sviare l’attenzione della collettività sulle responsabilità del sindaco, e sui disastri fatti da Toti e Asl 5 nella sanità pubblica, addossando la responsabilità (tanto per cambiare) a una etnia, anche tra loro sono molti i tifosi o molti che lavorano in cantieri anche con scarse misure di sicurezza (pare che in un cantiere spezzino:ci sia stato uno dei cluster di Carrara dove, secondo l'Asl di Carrara, non ci sono state megafeste). È mancata una vera e propria azione incisiva di contenimento con il resto della città e della provincia, con casi un po’ ovunque, lasciate senza controlli. Molto più utile sarebbe una massiccia campagna capillare di tamponi e di tracciamento e isolamento dei contatti.

Come gli hanno già detto in molti il Sindaco dovrebbe prendere atto delle sue responsabilità e dimettersi insieme ai Dirigenti Asl , per il bene di tutti.
Dovrebbe farlo magari anche scusandosi con tutti coloro (gli anziani, i fragili, i più esposti) che si sono ammalati in questi giorni e in questi mesi con una sanità in totale degrado (con lui silente e con il personale scarso e mal gestito che fa miracoli). Un degrado pesante in cui Toti ha il coraggio di dire che a lui il Felettino, l’ospedale nuovo che lui ci aveva promesso 5 anni e mezzo fa, non gli è mancato. A lui forse, a noi si , ma non ci mancherà lui se perderà le elezioni, per questo noi votiamo Pier Aldo Canessa e la coalizione per Sansa, e ribadiamo che non ci mancherebbe neppure il sindaco se, come gli dicono di fare in molti, si dimettesse.


Il Coordinamento provinciale di Articolo Uno

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Articolo Uno MDP

A sostegno dei settori costretti a riduzioni di orario e per fare ripartire i servizi sanitari. Leggi tutto
Articolo Uno MDP
"Come Articolo Uno esprimiamo la nostra contrarietà rispetto ai rischi che il biodigestore comporta e il nostro pieno dissenso sia sul metodo di Peracchini che sul merito" Leggi tutto
Articolo Uno MDP

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa