Stampa questa pagina

Sarzana, è polemica in Comune. Castagna (PD): "Ennesimo consiglio di cambi e riposizionamenti" In evidenza

Un consiglio comunale di "assestamento": la sistemazione delle commissioni data l'uscita della Casini da Italia Viva e dell'adesione dei consiglieri Avidano e Spilamberti a Cambiamo.

Venerdì, 28 Agosto 2020 14:37

Dopo alcune turbolenze il caos consiliare è stato risolto ed è tornata la pace nella principale aula istituzionale (tuttora virtuale) di Sarzana. Ma non senza qualche polemica: i principali esponenti dell'opposizione chiedono spiegazioni sull'adesione al gruppo Cambiamo di Giovanni Toti da parte dei consiglieri Maria Grazia Avidano e Luca Spilamberti; sempre le opposizioni fanno notare quanto non considerino un atto di rispetto la sospensione delle deleghe in vista della campagna elettorale di Costantino Eretta, vicesindaco e Assessore alla Sanità, e di Roberto Italiani, Assessore al Turismo.

Entrambi hanno rimesso le deleghe al sindaco, ma l'opposizione, tra i quali Mione (Sarzana per Sarzana) e Raschi (Italia Viva) lo vedono come un atto egoistico. Ma la seduta è iniziata con l'intervento di Beatrice Casini, che ha spiegato le motivazioni della nascita del suo nuovo gruppo "Siamo Sarzana": "Ci troviamo tutti in una fase politica di caos, ma spero che presto si faccia chiarezza sia in fase nazionale sia locale - e prosegue - Io vengo dal centrosinistra e rimango fedele a quell'area". Poi spiega: "Ho deciso di far nascere questo gruppo civico che è libero dal preconcetto politico e aperto ai cittadini. Mi siederò tra i banchi dell'opposizione e le proteste concrete saranno ascoltate, invece, per il resto, sarà un'opposizione costruttiva".

Poi Castagna (PD) scatena la polemica: "Si tratta dell'ennesimo consiglio di scambi e riposizionamenti: sembra di essere al calciomercato dei consiglieri". E prosegue: "Vorrei anche capire le motivazioni della consigliera Avidano e di Spilamberti che li hanno spinti ad aderire a Cambiamo: si sono professati leghisti e poi sono usciti dal partito, e ci chiediamo ancora perché la gente si disinteressa della politica". Poi conclude su Eretta e Italiani: "Sospendersi le deleghe è un atto sbagliato: se una persona si prende un impegno deve portarlo avanti".

Dopodiché Paolo Mione di Sarzana per Sarzana: "Vorrei capire perché gli assessori non si sono dimessi. Quando si riceve un incarico ci sono degli obblighi nei confronti della città". Successivamente: "Lo dicano pure chiaramente che stanno facendo i loro interessi. Infine se Spilamberti e la Avidano, dopo essersi professati leghisti, passano a Cambiamo, forse sono un po' confusi". Risponde la consigliera Avidano: "Per questo passaggio di vantaggi non ne ho avuti e nemmeno promesse di poltrone. Semplicemente condividiamo il progetto regionale di Toti, ma rimango fedele a Matteo Salvini".

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

di Massimo Guerra- Italiano vuol matare il Toro con la tecnica del brasiliano e l'energia di Giulio (0-0) Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
di Giacomo Cavanna - Confronto tra Sindaco e l'esponente ex-M5S sui "meriti" per la riapertura dell'Ufficio Postale di Dogana. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa