ATO Idrico, il Consiglio provinciale spezzino approva il piano

Ora si discuterà delle tariffe.

Giovedì, 06 Agosto 2020 19:21
I Consiglieri provinciali del gruppo La Spezia Popolare I Consiglieri provinciali del gruppo La Spezia Popolare


Approvato, martedì 4 Agosto, in Consiglio Provinciale il Piano di Interventi dell’Ato Idrico della Spezia. Circa 84 milioni di investimenti per 522 interventi sulla rete idrica spezzina che hanno come obiettivo la tutela della risorsa idrica, la tutela delle acque marine e l’impiego di sistemi tecnologici all’avanguardia.

Un lavoro iniziato oltre un anno e mezzo fa dal Consigliere Provinciale Gianstefani, Spezia Popolare, con delega all’Ato idrico, che ha visto la fattiva collaborazione dei Consiglieri Provinciali, dei Sindaci e di Acam Acque gruppo Iren.

“Ringrazio i miei colleghi, - commenta Claudia Gianstefani - in primis i miei compagni Ponzanelli e Solari, e l’ufficio che ha lavorato senza sosta. Da evidenziare anche la serietà e il fondamentale contributo dei Consiglieri Licari e Sivori per il raggiungimento di questo importante obiettivo. Abbiamo effettuato incontri preliminari con il Gestore al fine di avere un quadro della situazione di fatto del sistema idrico e degli interventi manutentrici effettuati. A seguire sono stati fissati incontri sistematici con le amministrazioni volti a conoscere la realtà di ogni territorio. Ruolo chiave dell’Ato è stato rendere tutti gli attori consapevoli di essere parte di un sistema integrato, favorendo il confronto e mediando tra le molteplici esigenze. In questa direzione ha lavorato anche la terza commissione “Area Vasta”, che ha coinvolto il Consiglio nell’arco di tutto il percorso. L’approvazione del Piano risulta essere una svolta nel sistema idrico provinciale che affronta, in modo concreto e con un cronoprogramma certo, le problematiche relative alle 3 aree acquedotto, fognatura e depurazione. Un lavoro di squadra che ha visto lavorare pedissequamente gli uffici Provinciali, che ringrazio"..

"Contestualmente - prosegue il gruppo La Spezia Popolare - è stato approvato un importantissimo provvedimento volto a tutelare i piccoli comuni montani che soffrono del fenomeno dello spopolamento, stanziando 220.000 euro per incentivare la residenzialità in questi territori. Un lavoro che ha visto il Consiglio unanime nell’approvazione di un ordine del giorno nel 2019. Questa iniziativa porterà benefici anche in termini di prevenzione al dissesto idrogeologico perché un territorio vissuto è un territorio manutenuto correttamente grazie alla collaborazione della comunità".

"Da oggi si ricomincia a lavorare per la definizione della tariffa, che il Consiglio affronterà con la stessa responsabilità e serietà che ha dimostrato finora, conscio del ruolo che ricopre. Oggi ogni discorso sulle tariffe risulta essere prematuro e fuorviante. Le scommesse le lasciamo a chi non si assume responsabilità, noi continuiamo a lavorare per dare risposte alla comunità", conclude La Spezia Popolare.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da La Spezia Popolare

Grande entusiasmo e partecipazione all'iniziativa "ascolto e confronto" del capolista di Liguria Popolare e Forza Italia Andrea Costa. Venerdì 28 agosto tappa a Lerici per incontrare i cittadini Leggi tutto
La Spezia Popolare
Prosegue l'iniziativa "Ascolto e confronto" del capolista di Liguria Popolare e Forza Italia Andrea Costa. Giovedì 27 agosto nuovo incontro con i cittadini di Sarzana e Brugnato. Leggi tutto
La Spezia Popolare

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa