Caso Marinella, j'accuse di Castagna: "Ecco perché le tesi della sindaca sono aberranti" In evidenza

L'intervento del vicesegretario del Partito Democratico di Sarzana Francesca Castagna.

Mercoledì, 15 Luglio 2020 15:08
Il vicesegretario del Pd di Sarzana Francesca Castagna Il vicesegretario del Pd di Sarzana Francesca Castagna

"La sindaca Ponzanelli sta compiendo sforzi sovrumani - sulla questione affidamento della spiaggia libera e parcheggi nel retrospiaggia a Marinella - per riuscire nello stesso tempo a tenere al riparo se stessa, la sua amministrazione e (nei limiti del possibile) i suoi dirigenti da qualche fastidiosa complicazione, ma insieme anche perché sia consentito a Marinella Beach, affittuaria del retrospiaggia e affidataria dal Comune della spiaggia libera a corrispettivo zero, di non trasformare questa vicenda sarzanese in una Caporetto finanziaria.

Ma l'impresa della Sindaca appare titanica. Così, davanti a tutte le opposizioni unite che la inchiodano indicando ben nove anomalie nella vicenda ovvero nove profili di possibile 'indulgenza' nei confronti di Marinella Beach, lei risponde che "è tutto regolare": l'odierno utilizzo a parcheggio del retrospiaggia da parte di Marinella Beach troverebbe la sua giustificazione in una concessione edilizia rilasciata nel lontano 1997, si badi bene non a Marinella Beach ma a Marinella spa (erede del Monte dei Paschi').

La tesi è aberrante. Diamo uno sguardo alle cose che non vanno.

1) la concessione del 97 è pacificamente decaduta;

2) nel frattempo è stato approvato il Piano Spiagge che ha confermato per quell'area la destinazione agricola travolgendo ogni difforme provvedimento concessorio (circostanza certamente nota alla sindaca);

3) Marinella Beach è affittuaria da Marinella spa solo della nuda area, non di una azienda o di un ramo di azienda, onde la concessione del 97 non può essere pacificamente utilizzata da Marinella Beach;

4) la stessa amministrazione Ponzanelli, lo scorso anno, negò il diritto di utilizzare a parcheggio il retrospiaggia ad un consorzio di balneatori locali e alla società Olmo (braccio imprenditoriale della benemerita Pubblica Assistenza di Sarzana) e motivo' tale diniego proprio con la natura urbanisticamente agricola di quelle aree (salvo tollerare, nonostante denunce ed esposti, che un Bagno installasse e gestisse su aree omogenee parcheggi per l'intera stagione).

I primi due rilievi sono oggettivi e inoppugnabili. Sul terzo la Sindaca ha provato a sostenere che l'anno scorso la società Olmo non ottenne il parcheggio per vizi procedurali, ma i legali rappresentanti della stessa Olmo e del Consorzio dei balneatori hanno viceversa ricordato e riferito pubblicamente che l'uso a parcheggio fu loro inibito "perché l'area era agricola"...

Infine, la Ponzanelli prova a ribaltare elegantemente ogni possibile sua responsabilità sulla 'struttura tecnica del Comune'. Ma anche tale pilatesca scappatoia non regge:

a) la delibera che prevedeva quegli anomali requisiti di partecipazione alla gara è della Giunta, così come alla Giunta va ascritto il ritardo nel deliberare di emettere il bando per la gestione della spiaggia (cosa si attendeva? Forse che la Marinella Beach diventasse operativa e magari acquistasse il retrospiaggia;

b) la decisione di conformarsi al curioso parere del Dirigente Caso anziché a quello - più ragionevole - dell'avvocato civico è stata una scelta dell'Amministrazione;

c) Emilio Iacopi, la cui consorte ha il controllo di Marinella Beach, era il capogruppo del più forte partito della maggioranza consiliare che sostiene la Sindaca, con uno smodato e risalente interesse per le spiagge, non un ignaro, sprovveduto passante;

d) la mancata repressione, sulla spiaggia libera e nel retrospiaggia, delle conclamate violazioni degli accordi nel primo caso e degli enormi abusi, segnalati da più parti, nel secondo caso è scelta 'politica' che attiene squisitamente alla responsabilità del Sindaco e degli assessori competenti;

e) idem dicasi, all'inverso, per l'insensato accanimento contro la cooperativa Olmo, che fa risaltare in modo macroscopico la carenza di imparzialità dell'Amministrazione fra i diversi soggetti operanti in quell'area;

f) la comprovata attivazione in sede politica perché sulle spiagge libere si potessero allestire chioschi a dispetto del divieto è stata una iniziativa della Sindaca, non certo dei suoi funzionari;

g) ed infine atterranno alla responsabilità politica dell'amministrazione, e non certo a qualche funzionario che si immola per fare il parafulmine, le scelte sul destino urbanistico delle aree a monte.

Ma questa amministrazione - si chiedono i cittadini - non doveva ripristinare la legalità, alzare il vessillo della trasparenza e tutelare indistintamente gli interessi di tutti i suoi cittadini? Oppure ci sono cittadini di serie B?".

Francesca Castagna
Membro Assemblea Nazionale Pd, vicesegretario Pd Sarzana

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Partito Democratico

L'esponente del PD sarzanese contro il sindaco di Sarzana: "Ponzanelli cerca di cavalcare la tigre di un improbabile campanilismo". Leggi tutto
Partito Democratico
La Consigliera Comunale Dina Nobili interviene sull'ipotesi ventilata in merito al futuro della collina di Pitelli. Leggi tutto
Partito Democratico

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa